facebook twitter rss

Incarico da dirigente per Luca Marconi:
è il nuovo capo di Gabinetto
della presidenza del Consiglio regionale

NOMINA - L'ex senatore ed ex assessore torna in Regione come portavoce ufficiale del Presidente dell'Assemblea legislativa
Print Friendly, PDF & Email

 

UDC_Parcaroli_FF-11-325x217

Luca Marconi

 

di Luca Patrassi

Mancata l’elezione in Consiglio regionale, Luca Marconi, l’ex senatore, l’ex assessore regionale di centrosinistra con la giunta Spacca e l’ex consigliere di maggioranza di centrosinistra nella giunta Ceriscioli, torna in Regione con una maggioranza di centrodestra e stavolta con un incarico da dirigente. Il presidente del Consiglio regionale Dino Latini, eletto nella lista dell’Udc, la stessa che ha visto in corsa l’esponente politico recanatese, ha appena nominato Luca Marconi capo di Gabinetto della presidenza del Consiglio regionale.

«Il capo di Gabinetto – si legge nel decreto firmato ieri – in particolare agisce quale portavoce ufficiale del Presidente del Consiglio e ne cura i rapporti politico-istituzionali con gli organi, le strutture ed i soggetti interni ed esterni all’amministrazione regionale. I compensi da attribuire sono indicati dal citato articolo 17, che li limita prevedendo, per il Capo di Gabinetto, un compenso omnicomprensivo non superiore a quello massimo spettante ad un dirigente del Consiglio regionale con incarico di posizione non strutturale. L’incarico di Capo di Gabinetto avrà ad oggetto la seguente attività:  cura dei rapporti politico – istituzionali del Presidente con gli organi, le strutture ed i soggetti interni ed esterni all’amministrazione regionale. Il compenso è stato indicato in misura di euro 5.583,34 mensili al lordo degli oneri previdenziali. Luca Marconi al momento del conferimento sarà collocato in aspettativa dall’Università di Macerata. Ai sensi dello Statuto della Regione Marche, il Presidente e l’Ufficio di presidenza restano in carica per la durata di trenta mesi, e successivamente alla loro rielezione, fino alla prima riunione del nuovo Consiglio».


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X