facebook twitter rss

Lega Marche: ”Accelerazioni sulla
nuova legge urbanistica regionale”

REGIONE - Gli esponenti del Carroccio marchigiano pronti a depositare la proposta di legge in Consiglio Regionale. Le argomentazioni nel merito sintetizzate dal segretario Marchetti
Print Friendly, PDF & Email

 

 

Marchetti insieme al gruppo dei consiglieri regionali leghisti

“La nuova legge urbanistica è una priorità del programma elettorale di legislatura ed uno strumento fondamentale per il rilancio dell’economia regionale”.

“Serve un’accelerazione. L’intero settore non può più aspettare ed è per questa ragione che la Lega è pronta a depositare una proposta di legge su cui iniziare a discutere e su cui coinvolgere tutte le categorie economiche”.

Il segretario regionale della Lega, Riccardo Augusto Marchetti, interviene rilanciando un tema sul quale la Lega si è molto spesa durante la recente campagna elettorale dettando l’agenda delle priorità su cui lavorare in vista del 2021.

“La legge urbanistica regionale è ferma al lontano ‘92, data dalla quale non ha subito sostanziali cambiamenti. Alla luce anche della crescente sensibilità ambientale e della crisi economica che dovremmo affrontare nei prossimi mesi, serve una brusca accelerazione nel portare avanti un impegno che la Lega e l’intera coalizione si è assunto nella campagna elettorale. Bisogna lavorare a questa legge fin da subito, senza ulteriori attese per dare un segnale concreto e tangibile alle categorie economiche che aspettano un cambiamento e ai sindaci che attendono una nuova legge da troppi anni”.

“È quanto mai prioritario abbattere la burocrazia ed i tempi di attesa semplificando, in particolare, l’iter e le procedure per la riqualificazione e la ristrutturazione degli edifici esistenti, specie nei centri storici e nelle zone terremotate – ha proseguito Marchetti -. Negli ultimi 30 anni la concezione stessa dell’urbanistica è profondamente cambiata: bisogna semplificare le procedure amministrative edilizie ed urbanistiche e favorire gli interventi antisismici e la flessibilizzazione delle destinazioni d’uso. Queste azioni dovranno essere funzionali a favorire, sul principio del costruire sul costruito, coloro che recuperano e ristrutturano immobili, con un occhio particolare per i centri storici, che rappresentano l’anima del nostro territorio anche per contrastare la desertificazione commerciale e abitativa all’interno degli stessi”.

“Riteniamo – sottolinea ancora il segretario regionale della Lega – che la ripresa dell’attività edilizia finalizzata alla rigenerazione urbana rappresenti anche una delle chiavi per la promozione della bellezza marchigiana e la crescita del turismo regionale. Anche su questo tema le Marche hanno perso troppo tempo: va recuperato il ritardo accumulato nei confronti delle altre Regioni italiane che si sono dotate, nel corso degli anni, di leggi regionali quadro più moderne ed inclini ad affrontare le sfide di uno sviluppo ecosostenibile. Per queste ragioni la Lega ed il gruppo consiliare regionale sono pronti a depositare già nei prossimi giorni il testo di una proposta di legge dal quale partire coinvolgendo tutte le associazioni economiche e di settore per costruire assieme una proposta che possa essere moderna, efficace e che guardi al futuro”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X