facebook twitter rss

Creazione di nuove imprese,
quasi 3 milioni di euro
per i giovani disoccupati

REGIONE - I fondi stanziati dalla Giunta, la soddisfazione dell'assessore Aguzzi: "Uno strumento importante per creare opportunità di lavoro"
Print Friendly, PDF & Email

 

StefanoAguzzi-e1604057769290-325x238

L’assessore Stefano Aguzzi

 

Oltre 2 milioni e 900mila euro a favore di giovani disoccupati. E’ lo stanziamento previsto da una delibera approvata ieri, nel corso della seduta della giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale al Lavoro, Stefano Aguzzi. L’atto contiene le linee guida per il sostegno alla creazione di impresa da parte di disoccupati residenti nei Comuni della Regione Marche che non fanno parte delle aree di crisi industriale e nei Comuni ricadenti nella Strategia Nazionale Aree Interne (Snai) e degli Investimenti territoriali integrati (Iti) urbani.

“Esprimo grande soddisfazione per l’approvazione di questo documento di particolare importanza per tanti giovani in cerca di occupazione-ha affermato l’assessore Aguzzi – perché con questa misura di politica attiva si favoriscono le condizioni per creare impresa e buona occupazione e, in sostanza, un futuro lavorativo”. “Il sostegno all’autoimprenditorialità è una «delle misure di politica attiva cofinanziate dal Fse che ha riscosso un notevole successo negli anni scorsi con la creazione di circa 850 nuove imprese, di cui circa il 70% ubicate in aree di crisi industriale e in area cratere, con un’occupazione creata di circa 1100 nuove assunzioni – spiega la Regione – L’intervento, previsto dalla deliberazione adottata oggi, finanzierà nuove imprese (inclusi liberi professionisti e studi professionali), create da disoccupati residenti nei Comuni ammissibili con un’età minima di 18 anni. L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto pari ad un massimo di 35mila euro ripartito in due tranche: la prima pari a 15mila euro viene erogata alla neoimpresa al momento della dichiarazione di avvio attività e una volta garantito l’impiego del titolare o socio o libero professionista. La seconda, facoltativa, pari ad un massimo di 20mila euro alla chiusura del progetto qualora l’impresa crei ulteriore occupazione ed è commisurata al numero di posti di lavoro creati e alla tipologia di contratto”.

“Abbiamo voluto rendere operativo questo strumento di politica attiva anche nel territorio regionale non coperto da processi di area di crisi industriale – ha concluso Aguzzi – che a loro volta possono fruire di risorse ad hoc nell’ambito dei rispettivi Accordi di programma”. Nel distretto pelli-calzature fermano-maceratese la misura è già partita a settembre 2020, nell’area di crisi interregionale Piceno Val Vibrata sarà attivata una volta sottoscritto l’Atto integrativo che ne dispone la proroga fino al 2023. Nelle prossime settimane sarà pubblicato l’avviso che sarà riservato non solo ai 98 Comuni extra aree di crisi, ma anche nei 56 Comuni dell’area di crisi ex A. Merloni, il cui Accordo è stato di recente prorogato fino al 2022.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X