facebook twitter rss

Cna Fermo, il presidente Silenzi: “Una volta per tutte, si trovi il riequilibrio tra territori”

FERMO - "Le forze politiche di Governo trovino il modo di aggiustare la grave carenza che si sta consumando con l’esclusione di territori, tipo il nostro, che hanno già visto riconosciute le “criticità” strutturale e congiunturali del tessuto economico"
Print Friendly, PDF & Email

“Di tutto abbiamo bisogno meno che di rimpalli di responsabilità politica. E’ semplicemente inconcepibile che l’area di crisi complessa fermano maceratese resti fuori dalla riconfigurazione territoriale di aiuti e provvidenze nel riequilibrio con le aree del Sud”: è l’indignata esternazione di Paolo Silenzi, Presidente della Cna territoriale di Fermo.

“Sappiamo che entro poche ore si chiuderanno i lavori della Commissione parlamentare bilancio della Camera –  sottolinea Paolo Silenzi. Le forze politiche di Governo trovino il modo di aggiustare la grave carenza che si sta consumando con l’esclusione di territori, tipo il nostro, che hanno già visto riconosciute le criticità strutturale e congiunturali del tessuto economico. All’Italia servono strategie e progetti, non tatticismi o politiche restrittive ed incomprensibili.”

“Insomma – conclude Silenzi., ci sia un emendamento, non a scapito di altri territori legittimamente inseriti nel provvedimento in discussione. A noi poco importa se di iniziativa del Governo o parlamentare, certo ci aspettiamo che il Governo si esprima favorevolmente ed in questo i contatti con il sottosegretario Alessia Morani sono intensi e proficui, ma un emendamento che inserisca il nostro territorio nelle misure che prevedono fondi di perequazione che ci spettano per non creare ulteriori squilibri e disparità, favorendo delocalizzazioni e nuove iniziative in aree vicine a scapito del nostro tessuto d’impresa, già duramente in crisi, senza trascurare gli oltre 20.000 lavoratori del territorio con le loro famiglie”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X