facebook twitter rss

La sospetta overdose fa scattare
le indagini: arrestato un anziano
In casa droga e una pistola

PORTO SANT'ELPIDIO - Le indagini sono scattate dopo un ricovero in ospedale per sospetta overdose. I carabinieri di Porto Sant'Elpidio sono arrivati a casa di un uomo di circa 80 anni. E lì hanno scoperto droga, una pistola con matricola abrasa, proiettili e una mazza. L'uomo ora è ai domiciliari
Print Friendly, PDF & Email

di redazione CF

“Un altro bel risultato di servizio dei carabinieri della stazione di Porto Sant’Elpidio coordinati dalla compagnia di Fermo”. E’ quanto annuncia il comandante della compagnia di Fermo, il tenente colonnello Nicola Gismondi. “I militari agli ordini del comandante luogotenente Badini, con il maresciallo maggiore Morelli ieri hanno portato a segno un bel colpo operativo. L’antefatto: sabato sera i carabinieri – spiega il comandante Gismondi – sono intervenuti insieme al 118 a Porto Sant’Elpidio per una sospetta overdose da cocaina. La persona soccorsa, subito trasportata al Pronto soccorso di Fermo, si è salvata. Contemporaneamente sono scattate le indagini dei carabinieri per risalire all’identità della persona che aveva ceduto della droga”. Un’indagine lampo, quella portata avanti dalle divise che in poche ore arrivano a casa di un anziano.

“Il cerchio si è ristretto attorno a una persona originaria di Porto Sant’Elpidio, un pensionato di circa 80 anni. Ovviamente – aggiunge il tenente colonnello Gismondi – nel prosieguo dell’attività d’indagine i carabinieri sono andati a casa dell’uomo e lì hanno rinvenuto 5 dosi di cocaina, per un peso pari a 2 grammi, ma anche una pistola con matricola abrasa, una Beretta, 4 proiettili calibro 38 e una mazza da baseball in legno che l’uomo aveva in auto. Subito è scattato per l’anziano l’arresto in flagranza di reato perché a suo carico sono emersi gravi e inequivocabili indizi di responsabilità penale per i reati di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, cessione a terzi di sostanza stupefacente, aggravata, detenzione abusiva di arma clandestina e oggetti atti ad offendere, omessa denuncia per le munizioni, e ricettazione dell’arma. Si stanno valutando anche le lesioni riportate dalla giovane come conseguenza di altro reato, per quanto riguarda la cessione che aveva causato la presunta overdose. Su disposizione del magistrato, l’anziano è stato arrestato e accompagnato, ai domiciliari, nella sua abitazione. La droga, l’arma, i proiettili e la mazza da baseball sono stati sequestrati. Ennesimo risultato, dimostrazione del fatto di quanto sia serio e costante l’impegno dei carabinieri di tutta la compagnia di Fermo, in questo caso di quelli di Porto Sant’Elpidio, nel contrasto di qualsiasi illecito, sia in materia di stupefacenti che di armi, tutto per la salvaguardia della salute dei cittadini”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti