facebook twitter rss

”SiAmo il Calcio”, si rinnova
il binomio Fermana e Montepacini

SOCIALE - Stamane, all'interno dello stadio "Recchioni", si è consolidata nuovamente la partnership tra canarini e Soccer Dream nell'ambito del progetto federale in cui ogni società di Lega Pro affilia un sodalizio della divisione paraolimpica e sperimentale. La voce dei diretti protagonisti
Print Friendly, PDF & Email

FERMO – Una giornata emozionante e ricca di spunti interessanti quella vissuta oggi dai ragazzi della Soccer Dream Montepacini al Bruno Recchioni dove è stata rinnovata l’affiliazione con la Fermana all’insegna dell’amore per il calcio e per la solidarietà.

Rientra all’interno di “SiAmo Calcio” una idea voluta dalla Figc in cui ogni società di Lega Pro affilia una società della divisione di calcio paraolimpico e sperimentale. Un abbraccio forte quello tra Fermana e Montepacini che nasce da qualche anno e che ha intenzione di rinnovarsi e consolidarsi. Una splendida realtà quella della Soccer Dream: un gruppo di 25 meravigliosi ragazzi, con un’età che varia dai 18 ai 54 anni con un sorriso incredibile e una grandissima voglia di calcio.

Una rappresentanza di loro insieme a dirigenti e accompagnatori presenti sui gradoni della tribuna centrale dedicata al presidente Paolo Belleggia insieme all’assessore Alberto Scarfini, al direttore generale della Fermana Fabio Massimo Conti e al presidente Umberto Simoni. Sarebbe dovuto essere presente anche il responsabile della segreteria della divisione calcio paraolimpico Danilo Oppedisani ma è stato fermato dalle ultime restrizioni Covid. Tornando a questi splendidi ragazzi, gli allenamenti sono una volta a settimana mentre si gioca in una sola giornata al mese in unico concentramento ad Ascoli Piceno, con la sfida alle squadre di Marche e Abruzzo. Venticinque minuti per tempi in campo oltre al terzo tempo che coinvolge tutti in un unico abbraccio.

Qui sono veramente in famiglia. Il Covid ha fermato un po’ l’attività, non è un momento facile, ma questo non significa smettere di sperare di tornare a correre, calciare un pallone, abbracciarci ed esultare insieme. Grazie a tutti coloro che permettono questo: ai ragazzi, alle famiglie, agli operatori e alla Fermana che ha creduto in tutto cioò. Sono sicuro che presto supereremo tutto questo e la prossima stagione sarà quello della rinascita”, ha dichiarato l’assessore allo sport del Comune di Fermo, Alberto Maria Scarfini. 


“La nostra è una attività legata esclusivamente alla volontarietà dei ragazzi che vogliono divertirsi, vivere con gli altri superando l’isolamento, visto che sono atleti come tutti quanti. L’aspetto meraviglioso è che se vinciamo o se perdiamo siamo comunque soddisfatti. I ragazzi al termine di ogni gara comunque si abbracciano con gli avversari. La Ferana ha compreso chi siamo, sanno che noi portiamo il nome in giro per l’Italia. Abbiamo affrontato anche squadre fortissime, come la Juventus, l’Entella ma non solo: con noi in campo c’era la Fermana”, il commento di Andrea Palazzetti, presidente del Soccer Dream Pacini.

Ci teniamo che tutti i ragazzi siano parte del nostro mondo, che tutti possano praticare uno sport che sia anche partecipazione. Il calcio è anche allontanarsi dalla strada, creando buona interazione sociale. Sono questi momenti che rendono veramente pieno il senso dello sport, un grande segnale di speranza guardando al futuro”, il commento del vertice canarino, Umberto Simoni.

“Il Covid ha bloccato sia voi che il nostro settore giovanile: un grande problema sociale prima che sportivo. Oggi vi regaliamo un momento di calore vero con le maglie, con le divise che vi accompagneranno – le parole del direttore generale gialloblù, Fabio Massimo Conti -. Il nostro augurio è di rivedervi presto in campo: appena si riaprirà al pubblico vi aspettiamo in tribuna e magari un giorno con i ragazzi della prima squadra durante una seduta di allenamento”.

L’allenatore Marco Calcinaro, alla guida dei ragazzi, ha invece affermato quanto segue: “Cerco di aiutare questi ragazzi ma è un grandissimo piacere per me. Il mio auspicio, ma sono certo che sarà così, è che non ci si limiti ad una muta fornitura di maglie. Speriamo possano esserci alcuni momenti di condivisione, di confronto, di racconto. Questo sarebbe uno straordinario e ulteriore momento di arricchimento. Intanto vorremmo poter tornare presto in campo. Il nostro obiettivo è farli giocare questi ragazzi”.

Al Recchioni siamo già scesi in campo, poi in Valtellina dove siamo arrivati da campioni di Marche e Abruzzo proprio con le maglie della Fermana. Il nostro è anche un modo di portare uno sguardo diverso nel mondo del calcio, un altro racconto di quel pallone che rotola ma senza esasperare gli animi e nel segno dell’umanità. Il tutto con i colori della Fermana in questa che è la terza stagione di collaborazione”, ha concluso il responsabile dell’associazione, Marco Marchetti.

Ecco i 25 atleti della Soccer Dream Montepacini: 1 Samuele Tosti, 2 Valentino Pettinari, 3 Edoardo Palazzetti, 4 Michele Cappella (fondatore della Soccer Dream), 5 Matteo Tramannoni, 6 Marco Giacobbi, 7 Mirco Vecchiarelli, 8 Riccardo Torresi, 9 Davide Capponi, 10 Carlo Corallini, 11 Paolo Catinari, 12 Simonetta Dalmenghi. 13 Emanuele Rosario Basilisco, 14 Edoardo Evandri, 15 Daniele Salvi, 16 Marco Cecati, 17 Ahmed Ali Mohamed, 18 Alessio Piselli, 19 Paolo Benfaremo, 20 Shaban Domi, 21 Marco Massaccesi, 22 Romeo Lepore, 23 Alessandro Viozzi, 24 Roberto Talamonti e 25 Vincenzo Orlando.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti