facebook twitter rss

Pedaso lascia l’Unione Comuni Valdaso,
Berdini: “Servizi ridotti al lumicino,
si pensi piuttosto alle fusioni”

PEDASO - Ora, dopo l'uscita, per Pedaso sono due gli aspetti da riorganizzare nell'immediato, quello della protezione civile e l'ufficio tributi. E da marzo a settembre assumeremo un altro vigile a 36 ore settimanali a tempo indeterminato. Assumeremo anche una ragioniera part-time a 18 ore per tutto l'anno, che affiancherà la ragioniera
Print Friendly, PDF & Email

di Serena Murri

Pedaso è fuori dall’Unione Comuni Valdaso. Con il nuovo anno, l’uscita per il Comune rivierasco è effettiva. La decisione era stata presa, come prevede lo statuto dell’Unione, sei mesi fa con delibera del Consiglio comunale. L’Unione Comuni era stata fondata nel 2001 da sette Comuni: Moresco, Monterubbiano, Lapedona, Montefiore dell’Aso, Altidona, Campofilone e Pedaso. Prima di Pedaso, l’anno scorso, era uscito il comune di Montefiore.

Nessun rimpianto da parte del sindaco Vincenzo Berdini: “Faccio tanti auguri di buon lavoro ai miei colleghi. Noi ci eravamo dati un limite e a tempo scaduto abbiamo preso la nostra decisione. Sarà proprio il tempo a stabilire se è stata la decisione giusta”. Berdini non aveva mai nascosto le sue perplessità sull’efficienza dell’ente ma anzi, aveva sempre sostenuto fin dalla sua ultima campagna elettorale che se si fosse trovato il modo per rilanciare l’ente lui sarebbe stato d’accordo, altrimenti non avrebbe proseguito oltre. Il sindaco di Pedaso ha ricordato che è stato tra i fondatori dell’associazione: “Dopo venti anni, quando sono tornato a fare il sindaco -ha spiegato Berdini- ho trovato un ente con tanti problemi da affrontare, fino ad arrivare all’erogazione di servizi ridotti al lumicino. Nel 2019 avevamo iniziato a parlare della chiusura, decisione logica dopo la vendita della sede. Poi non so cosa sia successo ma i miei colleghi sindaci devono averci ripensato ed hanno deciso di continuare”.

Secondo Berdini, ‘piccolo e bello’ non funziona più: “I Comuni dovranno pensare alle fusioni, piuttosto che alle unioni. Fra gli obiettivi fondativi, c’era quello del trasferimento del personale, oltre che dei servizi ma l’Unione è diventato l’ottavo ente, con delibere di giunta, delibere di consiglio, bilancio. Parliamo delle esigenze di un Comune, come quella di avere un segretario che in questi anni siamo riusciti ad avere condiviso con altri Comuni ma sempre con orari risicati, non sufficienti alla macchina organizzativa di un municipio”.

Ora, dopo l’uscita, per Pedaso sono due gli aspetti da riorganizzare nell’immediato, quello della protezione civile e l’ufficio tributi. “Purtroppo abbiamo ancora un piano di Protezione Civile obsoleto, da me redatto nel mandato precedente che ora ovviamente è da aggiornare. Ci stiamo lavorando. L’obiettivo è quello di dotarsi, entro i primi mesi dell’anno, di un nuovo piano e di un gruppo di volontari. Per quanto riguarda l’eventualità di eventi atmosferici straordinari o di neve, l’unica soluzione è quella di convenzionarsi con imprese private che abbiamo a disposizione i mezzi per intervenire”.

Anche l’ufficio tributi era ancora condiviso con l’Unione Comuni Valdaso: “Da tempo percorro altre soluzioni – ha spiegato Berdini – al momento abbiamo preso accordi con la ditta Siel srl di Fermo che si occupa già di diversi Comuni della provincia, della gestione dell’ufficio tributi, con la quale abbiamo stipulato una convenzione dalla seconda metà di dicembre. Siamo soddisfatti in quanto spendiamo la stessa cifra di prima esternalizzando il servizio”. L’ufficio è a Fermo, mentre a Pedaso lo sportello al pubblico sarà disponibile il primo e il terzo venerdì del mese, dalle 9 alle 12.30. Per quanto riguarda la pianta organica del Comune, il sindaco Berdini ha annunciato: “È ormai decisione presa che da marzo a settembre assumeremo un altro vigile a 36 ore settimanali a tempo indeterminato. Assumeremo anche una ragioniera part-time a 18 ore per tutto l’anno, che affiancherà la ragioniera”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti