facebook twitter rss

Cgil, Cisl e Uil: ”La scuola
deve ripartire per tutti,
in sicurezza ed in presenza”

REGIONE - In una nota congiunta le sigle sindacali esternano la necessità di un ritorno in aula purché vengano garantite le necessarie tutele in materia di salute. "Vanno affrontati tutti i nodi della questione perché, a distanza ormai di un anno dall’inizio della pandemia, il prezzo pagato dagli alunni delle scuole superiori rischia di essere troppo alto"
Print Friendly, PDF & Email

“Tra qualche giorno riaprirà la scuola, ma non per tutti. In uno scenario comunque incerto, con il governo orientato ad indicare nell’11 gennaio la data della riapertura, pur con il 50% in presenza e il resto in didattica digitale, la Regione Marche ha annunciato la scelta di far continuare la didattica a distanza per gli alunni delle scuole superiori per tutto il mese di gennaio”.

Questo l’approccio di un comunicato a firma congiunta diramato dalle segreterie di Cgil, Cisl, Uil delle Marche, nello specifico esternando il pensiero delle apposite segreterie specifiche al tema come Flc Cgil, Cisl Scuola e Uil Scuola Marche. Le stesse proseguono.

“Dunque, a pochi giorni dalla riapertura delle scuole, le famiglie, gli alunni e il personale della scuola si trovano di fronte a nuove incertezze, peraltro in uno scenario di forti differenziazioni tra regioni non sempre comprensibili – hanno illustrato gli sportelli sindacali -. Siamo sempre stati convinti della necessità di riaprire al più presto per tutti la scuola in presenza, purché vengano garantite tutte le necessarie tutele in materia di salute e sicurezza, ma nel contempo vanno affrontati tutti i nodi della questione riapertura perché, a distanza ormai di un anno dall’inizio della pandemia, il prezzo pagato dagli alunni delle scuole superiori e dal loro diritto allo studio rischia di essere troppo alto”.

“Comprendiamo la necessità di una scelta di prudenza di fronte a una situazione sanitaria ancora molto difficile, e ad un quadro epidemiologico critico con indice Rt nella nostra Regione in rialzo, ma se l’Istituto Superiore di Sanità conferma che le scuole sono luoghi sicuri, allora è necessario innanzitutto verificare tale condizione e come sottolineiamo già da tempo affrontare e risolvere il problema della sicurezza dei trasporti con soluzioni concrete, che tengano conto delle differenti esigenze territoriali”, hanno incalzato.

“Nei giorni scorsi si sono svolti gli incontri con i Prefetti per affrontare tutti i nodi aperti, ma occorre un maggior coordinamento regionale per affrontare in maniera organica tutte le criticità, dai trasporti a quella sanitaria. E’ necessario però che venga fatta chiarezza sul sistema di rilevazione dei dati e come chiediamo inoltre, già da tempo, fornito un report chiaro e comprensibile sui contagi nelle scuole per capire se e quanto la scuola in presenza abbia contribuito alla diffusione del virus – le conclusioni sindacali -. Occorre poi garantire una corsia preferenziale per la scuola sull’effettuazione dei tamponi e dei tracciamenti, e soprattutto garantire procedure uniformi con indicazioni chiare su come gestire i casi di positività nelle scuole in tutto il territorio regionale, così come occorre inserire tempestivamente il personale della scuola nel piano vaccinale nazionale”.

“Prendendo atto della scelta della Regione, quello che non possiamo più permetterci è di perdere altro tempo, ma dobbiamo usare bene quello che abbiamo a disposizione per garantire le risposte più adeguate per poter riaprire la scuola presto, in presenza e in sicurezza per tutti”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti