facebook twitter rss

La Videx rialza la testa,
in Sicilia l’ottimo avvio di 2021

SERIE A3 - Nell'anticipo di calendario il secco 0-3 imposto ai ragusani del Modica: cancellata dunque l'amara coda dell'anno vecchio, caratterizzata dal trittico di sconfitte consecutive. L'analisi post gara di coach Ortenzi
Print Friendly, PDF & Email

MODICA (RG) – L’anticipo della domenica sorride a Vecchi e compagni che chiudono la pratica Avimecc Modica in poco più di un’ora di gioco. Una prestazione cinica e attenta che ha permesso ai grottesi di aver ragione in tre set di un’altra diretta concorrente alla zona alta della classifica.

Padroni di casa in campo con Tulone-Busch, Chillemi e Martinez in banda, Bonsignore e Garofolo al centro e Nastasi libero. Coach Ortenzi risponde con la formazione tipo: Marchiani e Calarco in diagonale, Vecchi e Starace in attacco, Romagnoli-Cubito al centro e Romiti a governo della difesa.

IL TABELLINO

AVIMEEC MODICA 0: Tulone 1, Battaglia, Martinez 9, Dormiente (L2), Cuti, Chillemi 5, Nastasi (L1), Bonsignore 2, Busch 14, Imbesi, Garofolo 5. All. Bua

VIDEX GROTTAZZOLINA 3: Romagnoli 6, Cubito 4, Vecchi 16, Calarco 16, Pison ne, Reyes 1, Di Bonaventura, Viciedo ne, Starace 14, Gaspari ne, Perini, Marchiani 1, Romiti (L). All. Ortenzi

ARBITRI: Cavalieri e Scarfò

PARZIALI: 16-25 (22’); 19-25 (23’); 18-25 (24’)

NOTE: Modica: 12 errori in battuta, 1 ace, 1 muri vincenti, 65% in ricezione (38% perf.), 39% in attacco. Videx: 11 errori in battuta, 7 ace, 7 muri vincenti, 54% in ricezione (32% perf.), 63% in attacco

LA CRONACA

Inizio di gara nel segno di Starace e Calarco che con il primo ace del match fa 2-5. Modica replica con Martinez ma Vecchi è abile a muro su Chillemi e costringe coach Bua al primo time-out del match (5-9). Al rientro in campo Busch dimezza lo svantaggio ma Starace ricaccia indietro i padroni di casa e lo fa colpendo ancora una volta dai nove metri (14-10). Calarco risponde a Chillemi e coach Bua sospende nuovamente il gioco dopo un fallo di rotazione dei suoi che proietta la Videx a +5 (12-17). La pausa non giova ai siciliani perché gli ospiti premono sull’acceleratore coronando con capitan Vecchi un break di cinque punti che vale il primo decisivo strappo del set (12-20). Nel finale i grottesi approfittano di due leggerezze al servizio di Martinez e Busch per poi portare a casa il primo atto della sfida con l’attacco fuori misura di Chillemi (16-25).

Il secondo set parte con maggior equilibrio. Garofolo e Busch rispondono a Calarco e Modica trova il vantaggio con la sferzata di Chillemi (6-5). La Videx tiene botta e costruisce il sorpasso al centro: due volte Romagnoli prima del muro vincente di Cubito su Chillemi (9-10). Coach Ortenzi gioca la carta Reyes dai nove metri ed il numero sette grottese va a segno al primo tentativo, ace e nuovo timeout dei padroni di casa (12-15). Bonsignore e Garofolo tentano la rimonta ma Vecchi non sbaglia e mantiene le distanze prima della sferzata vincente di Starace. 18-21 e nuovo time-out Modica. I siciliani soffrono il servizio ospite e Vecchi ne approfitta per siglare in pipe il 19-23. Simone Calarco, con l’ausilio cruciale del nastro, trova l’ennesimo ace che chiude il parziale sul 19-25.

L’opposto grottese ancora protagonista dai nove metri in avvio di terzo set con due segnature consecutive (saranno complessivamente quattro al termine del match) prima del mani-out di Starace. Il +3 ospite spinge di nuovo coach Bua a fermare il gioco (2-5). Busch prova a colmare il gap ma la Videx amministra il vantaggio ed in fase centrale trova l’allungo con Starace e Calarco (12-16). Modica gestisce male il cambio palla e la banda di coach Ortenzi ne approfitta con Vecchi e Calarco (mattatori della gara con 16 segnature ciascuno) per fermare Martinez a muro (14-20). Busch prova a caricarsi la squadra sulle spalle ma Starace gli fa eco mettendo a terra due palloni consecutivi prima del definitivo 18-25 che regala alla Videx i primi tre punti del girone di ritorno.

LE DICHIARAZIONI

La Videx è tornata dunque a vincere e convincere. Un rotondo 3-0 che alla vigilia non era affatto scontato in virtù delle tante variabili in gioco. Una classifica delicata, il momento “no” con il quale si era chiuso il 2020 ed un avversario che all’andata aveva creato più di un grattacapo a Vecchi e compagni.

Non era facile scendere in campo con il giusto approccio e la giusta lucidità ma coach Ortenzi (foto a lato) ha saputo approfittare della sosta per ricaricare le batterie dei ragazzi, lasciando alle spalle le ultime scorie negative e riprendendo il cammino interrotto a inizio dicembre: “Venivamo da un periodo molto difficile e la prima cosa che ho chiesto ai ragazzi è stata quella di mettere in campo la gran voglia che avevamo di tornare a vincere – ha dichiarato il coach grottese nel dopogara – lottando su ogni pallone, giocando esattamente come piace a noi, e devo dire che sin dall’inizio abbiamo interpretato la gara con grande ritmo, concretezza e continuità. Abbiamo messo molta pressione addosso agli avversari con il servizio e difeso tanti palloni difficili. Credo sia il segnale eloquente di quanto i ragazzi abbiano voluto la vittoria”.

Una risposta convincente e di spessore nonché un’iniezione di fiducia che servirà per riprendere la marcia facendo tesoro di ciò che i risultati negativi hanno fin qui insegnato: “La fine del 2020 ci ha fatto capire che in questo torneo se si vuol lottare contro le prime della classe bisogna approcciare ogni match con l’atteggiamento giusto e con grande umiltà – ha concluso il coach – Dobbiamo concentrarci su questo, guardando esclusivamente in casa nostra senza badare alla classifica. Solo così potremo raggiungere gli obiettivi ai quali aspiriamo”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti