facebook twitter rss

La federazione fermana dei Giovani Democratici al fianco del Governo: “Per costruire un recovery plan utile all’Italia”

POLITICA - Luca Piermartiri (Coordinatore Federazione GD): "In politica il tempo in cui si compiono le scelte spesso qualifica le scelte stesse. Una crisi di governo in piena pandemia, a prescindere da come la si pensi, è follia pura".
Print Friendly, PDF & Email

“L’ emergenza sanitaria causata dalla pandemia ha messo in discussione lo sviluppo dell’umanità, la società e il rapporto con la natura, il ruolo dello stato nell’economia, i rapporti di produzione.
L’ UE per la prima volta ha messo da parte la dottrina dell’austerità per dare vita a un’iniziativa che consenta agli Stati membri di poter fronteggiare la crisi. Con il Recovery Plan, l’Italia, dopo anni di tagli alla spesa, ha l’opportunità storica di poter investire sul proprio futuro. Questa opportunità non può essere messa a rischio da una crisi di governo di cui non si capisce la ragione.”Inizia così la nota dei Giovani Democratici, sottoscritta anche dalla Federazione di Fermo.

“L’ apertura della crisi – spiegano i Giovani Democratici –  è stato un atto folle e irresponsabile, perché correremmo il rischio di farci trovare impreparati di fronte all’Unione per la consegna dei progetti relativi al fondo Next Generation UE, vanificando così tutti i sacrifici fatti dagli italiani; rischieremmo di consegnare il Paese alle destre. Anche affidare questa fase ad un governo dei tecnici, sarebbe un errore altrettanto grave: la nostra generazione ha già pagato a sufficienza i danni causati da governi svuotati della loro carica politica. Questa volta, più che mai, la responsabilità della guida del paese deve essere lasciata in mano ad un governo dai colori marcati, che sappia indicare una direzione chiara, di centro sinistra. Perché adesso è importante dimostrare che la politica è più di una rissa, di una faida tra parti, ma è visione, progetto, speranza. Negli ultimi anni troppe volte la sinistra ha rinunciato al suo popolo per inseguire i protagonismi individuali, raccogliendo sconfitte e tradendo la fiducia dei militanti. Come Giovani Democratici non staremo in disparte. Vogliamo che la nostra generazione sia protagonista della ricostruzione del paese. Vogliamo un programma più incisivo rispetto ai giovani, all’istruzione e al lavoro. Vogliamo un Recovery Plan che porti una nuova speranza nelle periferie del paese e che il dibattito su di esso sia serio e non strumentalizzato. Chiediamo al PD di sostenere il Governo con forza e di coinvolgere anche i meno rappresentati: gli studenti, i precari, i disoccupati. Dare un segnale contro il trasformismo e l’irresponsabilità avviando una stagione nuova è oggi l’unico modo di non lasciare l’Italia sotto le macerie. Il Next Generation Fund sia costruito insieme alla next generation”.

Luca Piermartiri (Coordinatore Federazione GD): “In politica il tempo in cui si compiono le scelte spesso qualifica le scelte stesse. Una crisi di governo in piena pandemia, a prescindere da come la si pensi, è follia pura. In una fase in cui bisogna gestire il piano di vaccini e, proprio perché non è finita, tutte le conseguenze del Covid; nonchè nell’anno della presidenza italiana al G20. L’ Italia non fa una bella figura! Ero tra i contrari all’alleanza con il M5S e alla composizione di questa maggioranza, voluta anche dal leader di IV. Purtroppo, immaginavo già da tempo la venuta di questo strappo, con l’inevitabile assist alle destre. Tuttavia, essendo poi arrivata la pandemia, credo che debba prevalere la responsabilità istituzionale… ancor più del proprio pensiero personale.”

Fabio Rossano (Segretario GD Porto S. Elpidio): ” L’Italia sta giocando una sfida epocale contro una pandemia mondiale. Con il Recovery Plan, con esso ci giochiamo la ripartenza della Nazione. Pertanto, è importante redistribuire le risorse nei settori che questa emergenza sanitaria ci ha mostrato di essere fragili e in difficoltà.
Da segretario di una giovanile mi auspico che questi fondi vengano stanziati per le scuole, per la ricerca, per le università, infrastrutture e in sanità, soltanto così potremmo rilanciare il Paese”.

Chiara Croce (segreteria GD Montegranaro): “Noi GD di Montegranaro accogliamo con molto favore questo appello di responsabilità, ma soprattutto crediamo che sia importante porre l’attenzione sulla questione giovanile. Servono maggiori risorse per quelli che sono il futuro del nostro paese, e noi GD abbiamo il compito di lottare per questo, perché la presa di importanza del nostro ruolo nella società può partire solamente da noi”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti


X