facebook twitter rss

Da nord a sud, arrivano
tre ”case dell’acqua”

PORTO SAN GIORGIO - Verranno sistemate nel parcheggio all’incrocio tra viale dei Pini e via Urbino, nel parcheggio retrostante via della Resistenza accanto all'ex stazione ferroviaria e nel parcheggio di piazza Manzoni adiacente il campo sportivo nuovo. L'assessore Vesprini: "Servizio atteso, a costi contenuti”
Print Friendly, PDF & Email

 

Tre “case dell’acqua” collocate a nord, centro e a sud.

Il Comune ha completato l’iter per l’affidamento in concessione degli spazi pubblici per la realizzazione, l’installazione e la gestione.

L’aggiudicazione è andata alla ditta Squizzi di Porto San Giorgio: l’offerta è stata ritenuta congrua e conveniente per l’amministrazione. Le “case dell’acqua” verranno sistemate nel parcheggio all’incrocio tra viale dei Pini e via Urbino (nord), nel parcheggio retrostante via della Resistenza accanto all’ex stazione ferroviaria (centro) e nel parcheggio di piazza Manzoni adiacente il campo sportivo nuovo (sud).

Secondo le caratteristiche indicate nell’offerta, saranno accessibile e prive di barriere architettoniche, con le pareti che potranno essere personalizzate con immagini suggestive della città o messaggi di interesse sui temi dell’ambiente.

Sarà possibile per i cittadini il prelievo dell’acqua filtrata liscia e gassata. I sistemi di pagamento saranno tramite gettoniera o con tessere prericaricate certificate. Sul display saranno visualizzati tutti i parametri relativi al credito disponibile ed i messaggi di inibizione dell’erogazione durante i cicli di sanificazione dell’impianto.

Dopo il completamento delle fasi di allaccio idrico ed elettrico si procederà ai lavori di assemblaggio dei moduli. Secondo i tempi di intervento il servizio sarà attivato entro il prossimo mese di marzo.

“Siamo finalmente riusciti a portare a termine un progetto a cui lavoriamo da diverso tempo – spiega l’assessore Valerio Vesprini – . Il servizio particolarmente atteso, sarà facilmente accessibile ed avrà costi contenuti per i cittadini”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti