facebook twitter rss

Sostegni a bar, pizzerie e ristoranti:
i numeri degli ammessi,
ancora aperto il bando per micro e Pmi

FERMO - Ristoranti, bar e pizzerie tutelati dall'amministrazione comunale in piena pandemia. Un'attenzione traslata al mondo delle aziende, con l'avviso che resterà disponibile fino al 17 febbraio
Print Friendly, PDF & Email

 

In un periodo in cui l’emergenza sanitaria ha fatto sentire, con le restrizioni alle attività, i suoi effetti, l’amministrazione comunale ha voluto, come si ricorderà, emanare in questi mesi bandi, alcuni scaduti, per poter supportare e dare sostegno alle diverse categorie economiche della città.

“Ecco alcuni numeri sulle attività finora supportate in questo periodo difficile – le parole del sindaco Paolo Calcinaro (foto) – come il  bando sui bar e pizzerie al taglio con 68 richiedenti ammessi, il bando sui ristoranti, 44 ammessi. In primavera tutti i nidi privati e i centri estivi attivati, tutte le palestre, piscine, agenzie viaggi operativi. Ora spetta alla prima tranche di esercizi commerciali: altri 26 ammessi. Inoltre, va ricordata la riduzione della Tari per tutti gli esercizi commerciali e artigianali. Non saranno aiuti decisivi, ma ci teniamo a dare il segno della presenza di un Comune, a far capire che siamo comunità e quindi anche noi siamo presenti. E cercheremo di continuare”.

“Abbiamo voluto far sentire il nostro supporto, con queste azioni ad hoc – ha detto l’assessore al commercio, Mauro Torresi – bandi che magari non risolvono, però possono rappresentare un segno di vicinanza a chi in questi mesi ha particolarmente risentito delle restrizioni e che, come amministrazione comunale, abbiamo voluto sostenere con questi aiuti concreti”.

Sono ancora aperti i termini, invece, per le micro, piccole e medie imprese (per il cui bando sono ad oggi pervenute appunto 26 domande). Infatti, si ricorda che c’è tempo entro, e non oltre, il 17 febbraio 2021 per partecipare al bando a sostegno della competitività delle micro, piccole e medie imprese, con l’assegnazione di un contributo utilizzabile per lo sviluppo di prodotti, servizi e processi, in grado di rafforzare la capacità di risposta delle aziende, ai fattori di crisi derivanti dall’emergenza sanitaria ancora in corso.

Il bando, che ha una dotazione finanziaria complessiva di ben 100 mila euro, a valere sull’ Asse 3 del Por Fesr Marche 2014-2020, pubblicato sul sito del Comune di Fermo (in home page all’indirizzo www.comune.fermo.it e alla voce “bandi e gare”  è rivolto alle micro, piccole e medie imprese, nonché associazioni che si qualifichino quali operatori economici, che devono avere come requisito principale l’iscrizione nel registro delle imprese presso la Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura di pertinenza, con sede operativa nel Comune di Fermo.

La domanda deve essere compilata esclusivamente in modalità on line utilizzando la procedura di invio telematico disponibile a questo indirizzo internet.

Saranno ammissibili i progetti finalizzati a realizzare attività volte alla diversificazione dei modelli di business e dei servizi/prodotti offerti, investimenti per l’adeguamento degli spazi fisici e all’attività produttiva per rispettare i requisiti di sicurezza, investimenti materiali e immateriali per il lavoro agile, l’acquisto di servizi di consulenza finalizzati all’analisi dei cambiamenti introdotti nei mercati di riferimento e alla definizione di nuovi scenari di sviluppo per le imprese colpite dall’emergenza Covid 19.

Ed ancora, il sostegno alle imprese creative e culturali per ripensare prodotti e/servizi offerti, ed adeguare le modalità di fruizione degli stessi da parte degli utenti alla luce delle misure di social distancing. Gli investimenti per rilanciare i settori produttivi attraverso attività di marketing, il sostegno alle imprese del territorio per rafforzare la capacità di offrire servizi alle fasce di popolazione colpite dagli effetti dell’emergenza sanitaria, gli investimenti materiali e immateriali nonché acquisizione di servizi e consulenze specialistiche finalizzate ad incrementare la produttività, ad innovare i processi organizzativi e i canali di vendita.

Le attività economiche ammesse a partecipare al bando (nel quale è possibile consultare in dettaglio i codici Ateco) riguardano ad esempio: il commercio al dettaglio, servizi di alloggio, produzione cinematografica, televisiva, di video, direzione aziendale, consulenza gestionale , pubblicità e ricerche di mercato, agenzie di viaggio, tour operator, attività artistiche, creative e di intrattenimento, organizzazioni associative, con fini culturali e ricreativi, organizzazione di feste e cerimonie. L’intervento agevolativo sarà concesso sotto forma di contributo a fondo perduto.

Per info consultare il sito www.comune.fermo.it, settore servizi socio-sanitari, attività produttive, Progetti speciali e fondi comunitari del Comune di Fermo al numero 0734. 284254 o alla mail fabio.ragonese@comune.fermo.it


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti