facebook twitter rss

Verducci: ”Basta deliri contro
le donne, Ciccioli mistifica la realtà”

REGIONE - Il senatore Pd contro le esternazioni del capogruppo di Fratelli d'Italia: "La legge 194 ha ridotto il numero degli aborti in Italia. La decisione della giunta regionale avrà l'effetto di aumentare gli aborti illegali e di mettere a rischio la salute di tante ragazze e donne. Nelle Marche è in atto una violazione della legge e dei principi della nostra costituzione"
Print Friendly, PDF & Email

Il senatore Pd Francesco Verducci

“Le parole del capogruppo di Fratelli d’Italia nel Consiglio regionale delle Marche sono pericolose, si usa il tema reale e serissimo dell’interruzione di gravidanza che sollecita, a mio avviso, paura”.

Interviene senza fare sconti il senatore Francesco Verducci, vice presidente della commissione cultura del Senato, che sul tema dell’interruzione della gravidanza, ambito d’attualità corrente nelle stanze della Regione.

“Non esiste alcuna sostituzione etnica – ha proseguito – Esiste il tema urgente di politiche sociali che sostengano la maternità e la famiglia. Esiste la questione migratoria. Esiste una legge, la 194, che è una grande conquista di civiltà che garantisce alla donna il diritto all’autodeterminazione e alla maternità consapevole. Le tre cose esistono ma non sono correlate. Chi le tiene insieme lo fa per ingannare i cittadini”.

“Le parole di Ciccioli volutamente legano l’attacco alla 194, e quindi alla salute delle donne, a tesi di altra inclinazione – l’affondo di Verducci -. Basta con le speculazioni sulla pelle delle donne. La legge 194 ha ridotto il numero degli aborti in Italia. La decisione della giunta regionale avrà l’effetto, a mio avviso, di aumentare gli aborti illegali e di mettere a rischio la salute di tante ragazze e donne. Nelle Marche è in atto una violazione della legge e dei principi della nostra costituzione,  va denunciata e contrastata”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti