Spazio pubblicitario elettorale
Mirco Carloni
Spazio disponibile
facebook twitter rss

Confindustria, Fenni:
”I big della calzatura locale siano
i capofila della filiera del distretto”

FERMANO - Il presidente della sezione di settore dello sportello Centro Adriatico, nonché vicepresidente nazionale di Assocalzaturifici, lancia un appello alle griffe presenti nel territorio: "Insieme per fare rete, sollecitando le attenzioni delle istituzioni affinché scendano in campo politiche di sostegno"

 

smart

“Fiere sì, fiere no? Siamo in balia del Covid 19, della campagna di vaccinazione, delle strategie di ogni Paese europeo. Non è facile orientarsi in questo momento”.

Questo il pensiero di Valentino Fenni (foto), presidente della sezione calzature di Confindustria Centro Adriatico e vicepresidente nazionale di Assocalzaturifici, che proseguendo illustra come “i calzaturieri vogliono e devono guardare al domani, alla ripresa che dovrà arrivare: Regione e Governo, sperando che si superi in fretta questa crisi irreale e lontana dai problemi del Paese, devono pianificare azioni mirate che vadano incontro alle necessità. I ristori sono necessari, perché se uno sta chiuso è giusto che venga tutelato, ma poi servono finanziamenti per lo sviluppo. Un punto su cui agire è quello delle reti, delle filiere produttive”, le parole di Fenni.

“Filiera significa dare incentivi e crediti agevolati a chi si mette insieme, a chi crea una catena produttiva che coinvolga ogni settore, dalle scarpe agli accessori e le pelli. Per farlo, però, serve che i ‘big’ del nostro settore si mettano in gioco. Dalla Tod’s a Fendi passando per Prada e Valentino, che producono nel nostro territorio, è necessario che gli imprenditori che rappresentano le realtà produttive più dinamiche e solide decidano di puntare con forza sulle maestranze del distretto. Umanamente già sono pronti, lo sappiamo, ma poi ci sono i numeri. Qui si può intervenire, con fondi che diventano in realtà investimenti. Mi appello ai colleghi, ma soprattutto alla politica perché trovi bandi e soluzioni. Inutile inseguire maxi sgravi, qui parliamo di azioni concrete”.

Il presidente dei calzaturieri sa bene che il tema delle reti e della filiera è una costante “ma questa volta – riprende – non possiamo rinviare la questione. Qui nessuno ripartirà da solo”.

A tutto questo, Confindustria Centro Adriatico aggiunge un’altra richiesta semplice: “Il credito. Anche nei confronti delle banche la filiera potrebbe diventare un riferimento, una garanzia. Senza ordini, con le produzioni ai minimi, investire sulla digitalizzazione delle imprese è necessario. Ancora di più fino a quando non torneremo a viaggiare, a incontrare i buyer, a far toccare i nostri campioni. Ma per questo servono risorse e subito”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti