facebook twitter rss

Si rompe un tubo nella notte,
allagamenti su tre piani all’Ipsia

Scuola chiusa “Ma lunedì
pronti a ripartire”

FERMO - La vicepreside Miragliotta: "C'è stato nella notte uno sversamento delle tubature e quindi, questa mattina, dopo aver avvisato gli studenti, abbiamo deciso di tenere la scuola chiusa per asciugare. Siamo riusciti ad avvisare quasi tutti gli studenti a non venire. E quelli che erano già partiti, sono stati accolti in palestra. Fortunatamente non si sono registrati danni alla struttura e all'edificio. Dunque oggi per tutti Dad. Ma da lunedì si riparte
Print Friendly, PDF & Email

di Giorgio Fedeli

All’origine di tutto, un tubo flessibile rottosi nella notte. E da lì, dal terzo piano dell’Ipsia di Fermo, l’acqua è filtrata per poi raggiunge i piani sottostanti. Morale della favola: oggi scuola chiusa e dad, didattica a distanza, per tutti gli studenti.

Nel corso della nottata, il guasto. Un tubo flessibile, come da accertamenti effettuati dai vigili del fuoco di Fermo intervenuti immediatamente, questa mattina, non appena ricevuta la segnalazione, si è rotto e l’acqua, dal terzo piano dello stabile che accoglie l’Ipsia, è filtrata ovviamente verso i piani sottostanti. Ad accorgersi del danno e dell’allagamento, questa mattina all’apertura, il personale della scuola. E via subito con la richiesta di intervento ai vigili del fuoco che sono arrivati a sirene spiegate per poi mettere in sicurezza il tutto, chiudendo la perdita e valutando eventuali danni che, però, fortunatamente, non sono stati registrati. “C’è stato nella notte uno sversamento delle tubature – racconta la vicepreside Maria Cristina Miragliotta, con la preside Annamaria Bernardini impegnata nell’attività amministrativa che va avanti – e quindi, questa mattina, dopo aver avvisato gli studenti, abbiamo deciso di tenere la scuola chiusa per asciugare. Siamo riusciti ad avvisare quasi tutti gli studenti a non venire. E quelli che erano già partiti, sono stati accolti in palestra. Fortunatamente non si sono registrati danni alla struttura e all’edificio. Dunque oggi per tutti Dad. Ma da lunedì si riparte”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti