facebook twitter rss

No alla tassa di soggiorno,
il Comune conferma la vicinanza
al settore turistico

FERMO - Anno nuovo, soluzioni vecchie: la giunta comunale, per come messo in atto nel 2020, anche per l'anno solare corrente ha azzerato l'imposta per turisti e strutture ricettive interessate. Prolungata dunque la sana politica di vicinanza agli operatori del settore colpiti, come altri segmenti imprenditoriali, dalle conseguenze della pandemia
Print Friendly, PDF & Email

 

Annalisa Cerretani, assessore al turismo

Come fatto nel 2020, anche per il 2021 a Fermo l’imposta per chi soggiorna nelle strutture ricettive è azzerata.

Nessun adempimento o versamento, inoltre, sarà a carico delle strutture interessate. E’ quanto deliberato dalla giunta comunale, dando seguito a quanto fatto anche lo scorso anno, quando la tariffa del tributo è stata azzerata, a causa delle gravi perdite subìte dal settore turistico e ricettivo per l’emergenza sanitaria creata a causa dell’epidemia Covid 19.

Considerato il perdurare dell’emergenza, la giunta ha ritenuto opportuno prorogare anche per l’anno 2021 l’azzeramento delle tariffe dell’imposta.  “Iniziativa adottata per andare incontro alle categorie che stanno subendo le conseguenze dell’emergenza, sperando che questa sia l’ultima stagione condizionata da questa situazione, da questa mannaia – ha detto il sindaco Paolo Calcinaro -. Turismo che ovviamente risente del periodo e che vede così non applicato questo tributo locale a carico di chi soggiorna nelle strutture ricettive, auspicando anche in questo modo un loro rilancio”.

“Come già riferito e contenuto nello spirito del Dup, anche con questa iniziativa vogliamo essere vicini a coloro che stanno affrontando gli effetti dell’emergenza sanitaria – ha detto l’assessore al bilancio Alberto Scarfini -. Siamo ben consapevoli che in questo momento è necessario sostenere e sostenersi, per cui anche a livello tributario l’azzeramento di questa imposta può costituire un piccolo ma significativo aiuto”.

“In questo periodo particolare, azzerando l’imposta per chi soggiorna, si va incontro al settore del turismo e di conseguenza della ricettività, che pure stanno risentendo in modo pesante delle restrizioni dovute all’emergenza sanitaria – le parole dell’assessore al turismo, Annalisa Cerretani -. L’auspicio è che si torni presto alla normalità e che anche questi importanti settori, strategici dell’economia anche a livello nazionale, possano ripartire. Nel frattempo il nostro impegno ed il nostro lavoro per il settore turistico continua, con azioni mirate, per una sempre migliore accoglienza, in attesa che si possa tornare prima possibile a fare pienamente turismo” .


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti