facebook twitter rss

Superbonus 110%, via libera alle ristrutturazioni nei centri storici di Capodarco e Montemarino

FERMO - La Giunta Comunale ha deliberato le modifiche delle norme tecniche di attuazione del Prg. Ok agli interventi di ristrutturazione propedeutici all'accesso agli incentivi governativi
Print Friendly, PDF & Email

Il sindaco Paolo Calcinaro

Possibilità di poter godere degli incentivi del bonus 110% anche per le abitazioni del centro storico di Capodarco e Montemarino. La Giunta Comunale, deliberando la modifica delle norme tecniche di attuazione del Prg, ha di fatto sbloccato e dato il via libera agli interventi di recupero e riqualificazione in questi due tessuti storici che prima erano esclusi, non essendo disciplinati da alcun piano particolareggiato di dettaglio, ma regolati da normative nazionali e regionali.
Con questa variante normativa, la Giunta Comunale è intervenuta sulle Norme Tecniche di Attuazione (Nta) del Piano Regolatore Generale (Prg) del Comune di Fermo, in particolare sull’articolo 59, agendo per favorire la riqualificazione e la rivalorizzazione di questi due centri storici, al fine di incentivare interventi di recupero sul patrimonio architettonico, in particolare sugli aspetti funzionali, disincentivandone il progressivo degrado e soprattutto per essere così un passo propedeutico alla possibilità per i residenti di poter godere dei benefici previsti dalla legge nazionale sugli incentivi e sulle detrazioni previste dal superbonus 110%.
A evidenziare l’importanza di questa opportunità il Sindaco Paolo Calcinaro: “un’altra possibilità che si dà in un quartiere importante, soprattutto nel centro storico, mentre il resto ne poteva usufruire, un intervento importante per lo sviluppo del quartiere stesso”.

L’assessore Mariantonietta Di Felice

Una variante particolarmente funzionale, come sottolinea l’assessore all’urbanistica Mariantonietta Di Felice: “modifica indispensabile per consentire ai residenti di Capodarco e Montemarino, qualificati come centri storici, ma di fatto quasi privi di strutture storico architettoniche di particolare interesse, di accedere al 110 %. Per il privato si tratta di un vantaggio fiscale, per la collettività rappresenta il recupero complessivo di questa splendida frazione affacciata sul mare, da valorizzare anche da un punto di vista turistico”.
Nel rispetto e nella conservazione delle caratteristiche tipologiche dei manufatti e dei tessuti urbani consolidati, con la variante si sono voluti regolare e specificare interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia, sui Centri Storici di Capodarco e Montemarino in merito all’uso dei materiali e agli interventi finalizzati alla riqualificazione estetica e funzionale, specificatamente alle facciate, alle coperture  e agli infissi, introducendo la facoltà di utilizzare tecnologie e materiali nuovi e idonei a favorire sia la conservazione tipologica, sia il risparmio energetico auspicato dalla normativa nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti