facebook twitter rss

Corsi biennali di formazione per giovani, Pasqui e Marcozzi: “FI sempre più al lavoro per il lavoro”

LAVORO - "Con l’approvazione di questo importante atto la Regione propone un efficace strumento di contrasto alla dispersione scolastica  per i giovani che non hanno completato il percorso d’istruzione superiore e vogliono tuttavia accrescere le proprie competenze per entrare più facilmente nel mondo del lavoro"
Print Friendly, PDF & Email
“Sempre più al lavoro per il lavoro. Dopo gli Advisor a sostegno delle imprese e l’attivazione dei corsi di formazione, avanti con l’impegno per creare lavoro, occupazione attraverso la formazione”.
Così, in una nota stampa, i consiglieri regionali FI, Jessica Marcozzi (capogruppo) e Gianluca Pasqui (vicepresidente del Consiglio regionale) sulla delibera dell’assessore Aguzzi approdata in giunta.
“L’assessore regionale Aguzzi ha portato in giunta regionale – spiegano, infatti, i due consiglieri azzurri – una delibera per l’approvazione delle linee di indirizzo per l’attuazione di 8 corsi biennali per giovani tra i 16 e i 19 anni finanziati con fondi Por Fse per 1,5 milioni di euro per gli anni 2021 e 2022. La delibera, infatti, è proprio sulle “Linee di indirizzo per la definizione dell’offerta formativa regionale in materia di percorsi Biennali di Istruzione e Formazione Professionale (IeFP) realizzati dalle Agenzie Formative accreditate presso Regione Marche per l’anno scolastico-formativo 2021/2022”. Con l’approvazione di questo importante atto la Regione propone un efficace strumento di contrasto alla dispersione scolastica  per i giovani che non hanno completato il percorso d’istruzione superiore e vogliono tuttavia accrescere le proprie competenze per entrare più facilmente nel mondo del lavoro. A breve, sarà pubblicato l’avviso per la presentazione delle domande sul sito della Regione Marche. Dunque ancora un’azione concreta a favore dell’occupazione giovanile e della specializzazione dei nostri ragazzi, strada prioritaria per il rilancio economico delle Marche e per arrestare la fuga delle nuove generazioni dalla nostra regione”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti