facebook twitter rss

Putzu (Fratelli d’Italia): ”Un varco per la riapertura delle attività economiche sempre, laddove possibile”

REGIONE - Il presidente dalla Commissione Sviluppo Economico: "Nelle Marche, quando sarà possibile derogare ai precetti normativi del Governo centrale procederemo a vantaggio di tutti. Sono tante le attività meritevoli di attenzioni, per ora possiamo però procedere in favore di quelle che si occupano della cura degli animali"
Print Friendly, PDF & Email

 

“Ogni giorno ripetiamo che alcune chiusure di attività non hanno senso e così, quando siamo nella possibilità di ovviare a disposizioni del Governo nazionale, qui in Regione lo facciamo ben volentieri”.

Sono le parole di Andrea Putzu (foto), esponente di Fratelli d’Italia e presidente della Commissione regionale Sviluppo Economico che, nel merito della riapertura delle attività commerciali rese possibili dall’esecutivo nazionale, prosegue illustrando quanto segue.

“E’ stato il caso dell’ordinanza del presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, con la quale è stata consentita la ripresa delle attività per la cura e l’igiene degli animali. Infatti il Dpcm Draghi, in vigore fino al 6 aprile, prevede la chiusura di barbieri, parrucchieri e centri estetici in zona rossa ma lascia uno spazio interpretativo normativo, utilizzato anche da Regioni come Emilia Romagna, Puglia, Lombardia e Piemonte per fare ordinanze come quella delle Marche”.

“Questo spazio – ha concluso Putzu – ha concesso un varco per consentire ora la riapertura di quelle attività che si occupano appunto della cura degli animali. Ovviamente vorremmo poter consentire anche la riapertura per parrucchieri ed estetisti, ma per queste categorie al momento non vi è la possibilità di derogare alle disposizioni del Governo nazionale. Per questo il presidente Acquaroli si sta battendo a livello nazionale per consentire la riapertura in piena sicurezza anche di queste importanti attività”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti