facebook twitter rss

Le favole dei ragazzi dei centri diurni nelle famiglie degli elpidiensi

SANT’ELPIDIO A MARE – In questi giorni sono in distribuzione i libricini frutto di un progetto iniziato due anni fa a vedere protagonisti i ragazzi dell'Ambito Sociale XX afferenti a Il Girasole, La Serra e La Cittadella del Sole. Iniziativa di scrittura creativa rivolta ai bambini da 0 a 6 anni. Il commento del sindaco Terrenzi
Print Friendly, PDF & Email

 

Sono in distribuzione in questi giorni i libricini di favole che sono il frutto di un progetto iniziato due anni fa e che ha avuto come protagonisti i ragazzi dei centri diurni dell’Ambito Sociale XX (Il Girasole, La Serra e La Cittadella del Sole).

Si tratta di un progetto di scrittura creativa che ha permesso loro di esprimere al meglio i propri talenti ed i libricini sono arricchiti dalle illustrazioni di Luca Longi: in questo periodo pasquale saranno consegnati a tutte le famiglie elpidiensi con bambini da 0 a 6 anni.

“I ragazzi dei centri diurni ancora una volta portano la bellezza all’interno del nostro territorio – dice il sindaco, Alessio Terrenzi – con il frutto di un lavoro creativo che li ha visti impegnati con la scrittura. Grazie alla loro fantasia i bambini del territorio potranno avere tra le mani delle favole che li porteranno a vivere avventure accanto a tanti personaggi immaginari accompagnati da tanta meraviglia e, perché no, anche da un bel sorriso”.

I centri diurni stanno portando la bellezza in città in diversi contesti, da qualche tempo a questa parte: con le loro opere hanno decorato gli ambienti della Residenza Protetta, il Parco Bartolucci con le loro creazioni e, ancora, con i pannelli installati al giardino Montevidoni hanno portato un tocco di colore ed allegria. Durante il periodo delle festività natalizie, inoltre, con il video mapping le loro opere sono state proiettate sulla Torre Gerosolimitana. Ora sono passati dall’arte figurativa alla scrittura e, assieme all’amministrazione comunale, intendono portare un pizzico di allegria e buonumore ai cittadini più piccoli con delle favole che vogliono essere anche un simbolo di primavera e di quella rinascita di cui ognuno ha bisogno.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti