facebook twitter rss

Nasce una nuova rivista di economia, fondata dal fermano Alessandro Bonetti

Alcuni studenti universitari, dottorandi e lavoratori di varie parti d’Italia stanno partecipando alla formazione di una rivista di approfondimento in ambito economico chiamata Kritica Economica.
Print Friendly, PDF & Email

La situazione economica in Italia è molto grave. Ma sarebbe riduttivo osservare la situazione con lenti solamente economiche: le questioni più importanti si intrecciano infatti con la politica, le relazioni internazionali e la società in senso lato.

Proprio questa è la visione che anima un gruppo di giovani di tutta Italia, che durante la pandemia si sono riuniti per cercare delle risposte a problemi sempre più pressanti della nostra società. Hanno così dato vita a un think tank (un osservatorio) sull’economia e la politica. Il nome è emblematico: Kritica Economica. Ispirandosi ai principi della Costituzione, organizzano eventi e dibattiti online, scrivono articoli e riflessioni e si confrontano. Il fondatore della rivista è Alessandro Bonetti, originario di Fermo.

Bonetti si è diplomato al Liceo Classico “Annibal Caro” con 100 e lode e grazie a questo risultato ha ottenuto la Pagella d’oro della Carifermo nel 2016. Si è poi laureato con la votazione di 110 in Economia e Scienze Sociali all’Università Bocconi, dove ora frequenta il primo anno di magistrale.

Il sito da lui fondato ospita autorevoli contributi provenienti dal mondo universitario e della ricerca, nel tentativo di dare uno sguardo alternativo sul dibattito politico, economico e culturale del nostro Paese. L’ambizioso progetto ha lanciato una raccolta fondi sulla piattaforma Produzioni dal Basso per realizzare una vera e propria rivista di divulgazione e approfondimento economico.
È possibile seguire e sostenere l’iniziativa su tutte le piattaforme social, e presto ne verrà lanciata una versione cartacea che ospiterà contributi di professori, studenti, dottorandi e lavoratori.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti