facebook twitter rss

Tipicità parte in versione digitale col saluto del ministro Di Maio: “Le nostre eccellenze motore della ripartenza”

FERMO - Appuntamento di apertura per la rassegna delle eccellenze marchigiane, il governatore Acquaroli punta su un'agenzia del turismo che metta in campo un'azione condivisa per il rilancio
Print Friendly, PDF & Email

di Pierpaolo Pierleoni

E’ partita l’edizione 2021 di Tipicità, in versione “Phygital edition”, termine coniato per evidenziare la commistione tra presenza fisica e digitale. Un appuntamento rivoluzionato, per ovvie ragioni, rispetto alla rassegna che si è fatta conoscere ed apprezzare in Italia ed all’estero negli anni precedenti Un qualificato parterre di ospiti ha dato il via a due settimane di appuntamenti. “Nuove rotte di Sviluppo G-Locale” il tema dell’incontro odierno.

A presentare la kermesse inaugurale il direttore Angelo Serri, che subito affida al sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro i saluti introduttivi. “Spero di tornare presto a vedere quel serpentone di gente a cui eravamo abituati, quella commistione tra pubblico, buyer, produttori. Mi auguro che ci potremo ritrovare in presenza tra un anno qui al Fermo Forum”.

Tocca alla deputata Mirella Emiliozzi portare un messaggio di saluto del ministro degli esteri, Luigi Di Maio. “Cultura, turismo, attività produttive sono i motori della ripartenza – le parole della deputata pentastellata – Sono stati messi in campo strumenti preziosi come il patto per l’export ed una campagna di promozione senza precedenti del Made in Italy e dell’immagine italiana”. A seguire, la lettura del messaggio del ministro Di Maio. “Tipicità non è solo titolo evocativo di una manifestazione di successo – le parole del Ministro – ma espressione di contenuti che qualificano l’immagine del nostro Paese nel mondo. Far conoscere le eccellenze attraverso gli strumenti digitali significa dare il giusto risalto ai territori ed al patrimonio di saperi alla base di produzioni tanto rinomate. Potremo mostrare le abilità dei nostri artigiani ed le tecniche tradizionali che accompagnano gli strumenti attuali, la tecnologia ed un’attenzione speciale all’ecologia. Continueremo a diffondere la tutela di filiere inimitabili nella sostenibilità ambientale. Ci attendono eventi internazionali importanti che ospiteremo in diversi luoghi del Paese. Ci attende la sfida del rilancio dell’economia puntando sul rilancio dell’export, che potrà contare su alleati straordinari, come il legame con la nostra terra e l’eccezionalità dei suoi prodotti apprezzati nel mondo. Qualità, buon gusto, innovazione nella tradizione, attraverso questi strumenti potremo consolidare l’immagine che sarà ancora in grado di valorizzare le terre marchigiane”.

Presente a Fermo il presidente della regione Marche Francesco Acquaroli. “Sono sempre stato un estimatore di Tipicità, ho apprezzato l’afflusso crescente negli anni alla manifestazione. Speriamo di rivederci presto. La nostra Regione deve saper innovare ed affrontare nuove sfide, possiamo farlo attraverso un’azione condivisa, congiunta che rafforzi la nostra azione e la presenza delle Marche in Italia e nel mondo”.
Spazio poi ai numerosi ospiti. Maria Anna Simeone, delegata del Quebec in Italia, che evidenzia la stretta collaborazione instaurata con Tipicità. Il presidente dell’Enit, agenzia nazionale del turismo, Giorgio Palmucci, che ammette gli impatti negativi della scorsa stagione nell’affluenza dei turisti dall’estero. Il presidente della Camera di commercio delle Marche, Sabatini, che ricorda “la forte volontà dell’ente camerale di valorizzare le eccellenze e puntare sull’internazionalizzazione in un periodo così delicato”. Mauro Marzocchi, segretario generale della Camera di commercio italiana negli Emirati Arabi, spera nella capacità di reazione del sistema dal punto di vista commerciale.

Spazio poi ai sindaci delle città gemellate con Fermo. Thomas Deffner dalla tedesca Ansbach, i francesi Claude Olive da Anglet e Luis Negre da Cagnes Sur Mer, e ancora i tre rettori delle università marchigiane, Claudio Pettinari per Unicam, Francesco Adornato, rettore dell’Università di Macerata, Gian Luca Gregori per la Politecnica delle Marche. La chiusura a Marco Moreschi, direttore generale di Banco Marchigiano, project partner di Tipicità, che oltre a far sintesi degli interventi precedenti promette: “Siamo pronti a finanziare a tasso zero tutte le filiere che vorranno costruirsi una visibilità ad Expo 2020”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti