facebook twitter rss

Carlo Del Vecchio approda nell’Udc. Scelto anche il nuovo segretario, sarà Stefano Cencetti

P.S.GIORGIO - Il consigliere comunale Carlo Del Vecchio approda all'Udc. Conferenza stampa stamane con i vertici del partito nella sede elettorale di viale Cavallotti da dove si guarda già alle prossime elezioni amministrative. Stefano Cencetti è stato invece nominato segretario per Porto San Giorgio.
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi

Carlo Del Vecchio approda nell’Udc. L’annuncio ufficiale questa mattina in conferenza stampa con i vertici locali del partito. Dopo l’uscita da Forza Italia, l’ex assessore entra così nell’Unione di centro. guidata nel fermano da Giambattista Catalini. “Oggi è un giorno importante per la città, ci siamo riuniti noi dell’Udc che siamo in evidente crescita e l’azione è legata alla forza degli uomini, approda da noi un grande uomo, Carlo Del Vecchio che ha ricoperto tanti incarichi a Porto San Giorgio. Abbiamo puntato sula qualità delle persone” ha esordito Catalini “è un primo passo che ci vedrà impegnati su tutte le sfide comunali e provinciali”. E’ stata poi la volta di Moreno Bellesi, coordinatore  provinciale del partito che ha presentato il nuovo coordinatore cittadino, Stefano Cencetti. “In questi giorni abbiamo assistito alle polemiche che hanno interessato la maggioranza ma avremo modo di entrare nel merito delle questioni nei prossimi mesi”. poi la volta di Stefano Cemcetti:”Partiamo da questa sede che è buon viatico per riavvicinare le persone alla politica e dare risposte che da tempo mancano. Siamo per la politica del fare e non per quella urlata. Del Vecchio si è messo sempre a disposizione della gente e questo gli dà merito, punto di forza per l’Udc”.

Carlo Del Vecchio ricorda il suo passato nel centrodestra. “Adesso siamo ad una svolta, in me i cittadini hanno visto una persona che si è messa sempre a disposizione. Anche nel sociale. Non potevo non sposare un progetto così importante. Siamo sicuri che oltre ad avere un consigliere provinciale ed uno comunale, possiamo guardare all’obiettivo delle elezioni sicuri di fare bene”. Poi una certezza. “Alle elezioni ci presenteremo compatti come il centrodestra, magari avremo anche un nostro candidato di bandiera”. Questione FdI. Del Vecchio si toglie qualche sassolino rispetto ai rapporti tra lo stesso ed il partito della Meloni dopo la sua uscita da Fi ed il mancato accordo sul suo ingresso in Fratelli d’Italia. “Non sono stato io a tirare la giacchetta di quel partito ma qualcuno di loro a tirare la mia”. Il presidente del Consiglio regionale, Dino Latini ha focalizzato l’attenzione sul lavoro svolto a livello regionale proprio dall’Udc. “Senza il senatore Saccone questa fase non ci sarebbe stata. Vogliamo aprire una grande area di centro, che significa raccogliere le attese della gente comune”. A chiudere l’intervento il sen. Antonio Saccone, coordinatore regionale dell’Udc. “Amo questa terra da 12 anni e mi dispiace che questo territorio non spenda tutte le risorse. Affrontare in maniera più determinante la questione lavoro dopo l’emergenza pandemica.  Noi abbiamo il compito di dare l’opportunità di investire soprattutto nel privato. E’ una battaglia per lo snellimento burocratico anche nelle Marche ed agevolare chi vuole investire nelle Marche. L’11 giugno organizzeremo il primo convegno sui fondi europei ed inviteremo tutte le categorie e tutti i partiti per capire come si prendono i fondi”. Saccone ha acceso i riflettori sulla necessità di tornare a confrontarsi anche fuori dai social e l’apertura di una sezione va in questa direzione. “Carlo è una persona di valore, ci siamo trovati sui valori, ho apprezzato questa sua fermezza valoriale. Siamo orgogliosi del suo ingresso nell’Udc. Ringrazio anche Stefano per questa nuova responsabilità, vogliamo un partito inclusivo”. Infine la raccomandazione a mettere al centro dell’azione politica gli interessi della città. Del Vecchio anticipa anche le tematiche su cui si confronterà subito, una volta vinte le elezioni. “Turismo, ambiente, sviluppo, La città deve rinascere dopo il fallimento del centrosinistra” ha detto Del Vecchio.

Gli fa eco Catalini. “Il centrosinistra ha la responsabilità di aver fatto chiudere i poli sanitari come quello di Porto San Giorgio, Anche la sede della Croce Azzurra deve essere spostata a sud, vicino al casello autostradale. Ne parlammo con il sindaco Amici. E poi realizzare una camera iperbarica visto che abbiamo la possibilità di fare sub. E con Carlo cerchiamo di recuperare il tempo perso”. Anche Cencetti punta sul potenziamento del turismo. “Non basta più quello della spiaggia -dice- e non possiamo più vivere di luce riflessa, il paese sta morendo. Le seconde case sono sfitte e qui abbiamo l’obbligo di intervenire”. Con il passaggio all’Udc Del Vecchio, che nell’ultimo anno  si è trovato più volte vicino alle posizioni dell’Amministrazione Loira approvando o astenendosi su diverse delibere in Consiglio comunale, assumerà una posizione diversa. “A differenza di un uomo del centrosinistra, se si fa qualcosa di giusto per la città io la voto anche se siedo sui banchi dell’opposizione. Oggi che sto in un partito come l’Udc ciò non può che avvalorare il mio operato”. Ma è chiaro che il confronto con il partito adesso non potrà non esserci prima di ogni Consiglio comunale

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti