facebook twitter rss

Cura fitosanitaria degli alberi, i bambini a lezione di ecologia

FERMO - Sabato scorso il via al parco del Girfalco del progetto di educazione ambientale con le coccinelle alla presenza degli alunni delle scuole. Il progetto spiegato dall'assessore all'ambiente Ciarrocchi
Print Friendly, PDF & Email

 

L’assessore Ciarrocchi insieme ai bambini

A lezione di ecologia.

Una mattinata all’aria aperta, in uno dei punti più belli della città, al Girfalco, nel parco vicino al Duomo.

E’ quello che hanno vissuto gli alunni della primaria della scuola “Sapienza” di Fermo che sabato scorso, alla presenza dell’assessore alle politiche ambientali, Alessandro Ciarrocchi, e del personale dell’ufficio ambiente comunale, hanno assistito all’avvio del progetto di cura fitosanitaria degli alberi, in modo naturale, attraverso delle coccinelle che contribuiranno così alla lotta degli afidi delle piante.

Un sistema di lotta biologica per quei parassiti che attaccano arbusti di particolare pregio storico ambientale, appartenenti al patrimonio arboreo comunale. “Sin dal primo mandato – ha detto l’assessore Ciarrocchi – il coinvolgimento delle scuole nei nostri progetti ambientali è stato di prioritaria importanza e anche in questa occasione il nostro auspicio è che queste lezioni didattiche all’aperto, dal vivo, siano un ulteriore passo verso l’educazione ambientale per le nuove generazioni . Quello che ogni volta mi sorprende positivamente è il coinvolgimento e la preparazione dei bambini che partecipano, merito delle insegnanti che ringrazio insieme alla dirigente Anna Maria Isidori e alla fiduciaria Paola Ferri. Questo progetto e questo messaggio tendono a limitare l’inquinamento generato dall’uso di prodotti chimici e pesticidi nella manutenzione di giardini, parchi privati e pubblici”.

Un’iniziativa, che ha visto la collaborazione della ditta Bioplanet, unica biofabbrica italiana delle cinque presenti in Europa, in linea con quanto stabilito dalla Comunità Europea e dalla normativa nazionale e regionale in merito all’utilizzo di metodologie di lotta biologica per la difesa fitosanitaria del verde pubblico, che assume anche la valenza di un progetto di educazione ambientale nell’ambito delle iniziative legate alla Bandiera Blu. Alla mattinata seguirà un’altra analoga iniziativa, il prossimo 27 maggio, con la consegna di ulteriore materiale divulgativo sugli insetti e sulle specie allevate per fini fitosanitari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti