facebook twitter rss

Polo scolastico dell’infanzia e cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, le deliberazioni dell’ultimo consiglio comunale

GROTTAZZOLINA - Realizzazione di un asilo nido per un importo di 900.000 euro e la ristrutturazione dell'edificio scolastico per 980.000 euro, unitamente al tributo d'onore per i valorosi e silenti caduti per la Patria: questi i punti all'ordine del giorno approvati nell'assise municipale di sabato scorso
Print Friendly, PDF & Email

 


Nel consiglio comunale di Grottazzolina di sabato 15 maggio si sono discussi punti all’ordine del giorno molto significativi come l’aggiornamento del programma triennale delle opere pubbliche e la definizione della cittadinanza onoraria al Milite Ignoto.

Il primo punto è stato spiegato dal sindaco Alberto Antognozzi, momento in cui l’amministrazione ha modificato il programma triennale delle opere pubbliche inserendovi la realizzazione di un asilo nido per un importo di 900.000 euro e la ristrutturazione, riqualificazione e messa in sicurezza della scuola dell’infanzia per 980.000 euro.

Tale primo aggiornamento del programma si è reso necessario per cogliere una importante opportunità: la partecipazione all’avviso pubblico, di cui al decreto dei direttori di finanza locali, Ministero degli Interni e direttore per edilizia scolastica del 22 marzo scorso avente per oggetto il finanziamento degli interventi relativi ad opere pubbliche di messa in sicurezza, ristrutturazione, riqualificazione o costruzione di edifici di proprietà dei Comuni destinati ad asili nido e scuole dell’infanzia. “L’amministrazione, che pone al centro del proprio programma la scuola e i servizi alla famiglia, ha approvato un progetto esecutivo per il nuovo asilo nido e un progetto di fattibilità per l’ampliamento della scuola dell’infanzia, con avviso pubblico che scadrà il prossimo 21 maggio – spiegano dal municipio -. E’ dunque una grande opportunità per entrare in una graduatoria nazionale che potrà permettere a Grottazzolina di avere una scuola dell’infanzia all’avanguardia e un nido; entrambi gli edifici si troverebbero nella stessa zona, con ampi spazi verdi, giochi, mensa, parcheggi, andando così a creare un nuovo polo scolastico dedicato all’infanzia. La possibilità che i progetti ammessi in graduatoria rientrino nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza aumenta tra l’altro le possibilità di ottenere il finanziamento, e realizzare quindi un’opera strategica e moderna, a servizio della comunità e della Grottazzolina che verrà”.

Per la proposta di delibera sulla cittadinanza onoraria al Milite Ignoto, la cui tomba, custodita all’interno del Vittoriano a Roma, costituisce una sepoltura simbolica che rappresenta tutti coloro che sono morti in un conflitto e che non sono mai stati identificati, relatore è stato il vice sindaco Giorgio Litantrace. L’iniziativa promossa dall’Anci (Associazione Nazionale Comuni Italiani) e in particolare dall’ Anci piccoli Comuni, su invito del Gruppo delle Medaglie d’Oro al valor Militare d’Italia, è stata sposata anche dall’Arma dei Carabinieri ed avviene in occasione del centesimo anniversario della solenne tumulazione del Milite Ignoto presso l’Altare della Patria, al Vittoriano.

“La sepoltura in un luogo simbolo d’Italia della salma di un soldato ignoto caduto in guerra avvenne al fine di onorare i sacrifici e gli eroismi della collettività nazionale nella salma di un soldato sconosciuto e non di un condottiero vittorioso – continuano gli amministratori grottesi -. Dopo un secolo, celebrare il Milite Ignoto e riconoscerlo come cittadino onorario di un Comune, significa rendere omaggio alla forza, al valore e alla tenacia di tutti coloro che, in ogni tempo e in ogni occasione si sono sacrificati per la Patria”.

“In questo senso, l’iniziativa assume particolare rilevanza in un periodo di pandemia, di sofferenza diffusa per tanti italiani. La cittadinanza onoraria si estende infatti per onorare tutti gli italiani che oggi lottano in prima linea contro il Covid 19, e rende onore a tutti gli uomini e donne che, pur avendo lottato fino all’estremo delle proprie forze, non sono riusciti a sconfiggere l’invisibile nemico e non hanno avuto neanche un degno funerale. Inoltre questa iniziativa ci porta alla memoria la profonda disumanità della guerra, ieri come oggi, guerra che semina morte e non permette a volte alle famiglie dei caduti di avere nemmeno indietro il corpo dei propri cari e una tomba su cui piangere”, hanno concluso.

L’amministrazione comunale di Grottazzolina è tra l’altro sempre molto impegnata nell’ambito della cittadinanza attiva come dimostrano i vari progetti intavolati con le scuole in particolare: progetto legalità, consulta delle scuole, condivisioni dei progetti scolastici per la festa della Liberazione. Dare la cittadinanza onoraria al Milite Ignoto non è solo un gesto dall’alto valore simbolico ed evocativo a cui possono seguire altre cerimonie o dedicazioni, ma è anche realtà concreta di amore per la patria, di rafforzamento della memoria storica e di unità. Quel Milite Ignoto infatti dall’essere “di nessuno” è divenuto “di tutti”, segno di vera unità nazionale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti