facebook twitter rss

Cresce la videosorveglianza, per un sistema integrato tra tutte le forze di polizia

FERMO - L'amministrazione comunale potenzia i benefici degli occhi elettronici votati alla sicurezza cittadina, con i dati rilevati subito condivisi con altre forze dell'ordine: dopo l'accordo con la Questura, arriva ora la collaborazione nel merito con i Carabinieri. La soddisfazione del sindaco Calcinaro e dell'assessore Torresi
Print Friendly, PDF & Email

Sistema di videosorveglianza cittadino in corso di implementazione.

L’amministrazione comunale sta potenziando il sistema con la videosorveglianza integrata, con maggiori collegamenti con le forze di polizia nazionali: dopo la Questura dunque, ora anche i Carabinieri.

“Un passaggio già fatto con la nostra Questura che ora verrà replicato anche con i Carabinieri – le parole del sindaco Paolo Calcinaro – ovvero la possibilità di avere tutto il nostro sistema di telecamere replicato all’interno della caserma stessa, per essere più efficaci e immediati, anche perché l’occhio che le forze dell’ordine possono avere su determinati fatti è molto più tecnico, soprattutto su situazioni criminogene e delinquenziali. Questa è un po’ la chiusura del cerchio, caldeggiata e sostenuta come sempre dalla saggia regia della Prefettura che ringraziamo”.

Un lavoro di implementazione importante come sottolinea il vice sindaco, assessore alla sicurezza e alla Polizia Locale, Mauro Torresi: “Questo potenziamento è la normale prosecuzione del progetto di videosorveglianza, che abbiamo avviato da tempo e con risultati importanti, volto alla tutela della incolumità pubblica e della sicurezza urbana, alla tutela del patrimonio comunale, alla prevenzione del degrado urbano. Ringrazio per il coordinamento il prefetto e ovviamente la Polizia Locale, i Carabinieri e la Questura per la sempre proficua e propositiva collaborazione”.

Con l’integrazione delle azioni e delle competenze tra tutte le forze di polizia, inclusa la Polizia Locale, nel rispetto ciascuno delle proprie prerogative e con il coordinamento della Prefettura attraverso il Comitato Provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica, il Comune di Fermo sta proseguendo su questa strada, già avviata, con adeguati interventi di sviluppo ed implementazione, di estensione dell’operatività degli impianti di videosorveglianza al controllo e alla rilevazione delle violazioni al Codice della Strada con videocamere Ocr (rilevazione e lettura targhe) ma anche con collegamento al sistema Scntt- Sistema Centralizzato Nazionale Targhe e Transiti. L’adesione a tale sistema fa sì che nella banca dati nazionale vengano inseriti tutti i transiti e l’allarme locale, in caso di passaggio di un veicolo rubato o segnalato per altre esigenze di polizia.

“Questo – aggiunge l’assessore – consentirà agli agenti locali di continuare ad agire per sanzionare le violazioni di competenza ma con maggiore sicurezza avendo consapevolezza di interazioni con eventuali soggetti pericolosi ed alle altre forze di polizia di avere informazioni necessarie per le attività di investigazione ed ordine pubblico”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti