facebook twitter rss

Cesetti (Pd): ”La destra nega ossigeno e liquidità a imprese e famiglie colpite dall’emergenza sanitaria”

REGIONE - Saltata, tra i lavori dell'assemblea legislativa delle Marche, la discussione sulla sospensione dei tributi regionali. Il consigliere in quota al Partito Democratico affonda contro la maggioranza di governo regionale
Print Friendly, PDF & Email

 

“La mancata discussione della nostra proposta di legge per la sospensione del pagamento di alcuni tributi regionali, imposta dalla maggioranza di Acquaroli, rappresenta uno schiaffo a tanti cittadini e tante imprese messe in difficoltà dal Covid 19. Aver rinviato in commissione il provvedimento significa tergiversare al fine di costringere i contribuenti ad adempiere alle scadenze già a partire dal mese di maggio”.

Così il consigliere regionale del Partito Democratico, Fabrizio Cesetti (foto) nel commentare il rinvio in commissione della proposta di legge che prevedeva la sospensione di tutti i termini tributari in scadenza nel periodo compreso tra il 15 maggio e il 30 settembre riguardanti le tasse sulle concessioni regionali in materia di caccia, pesca e tartufi, l’imposta regionale sulle concessioni statali per l’occupazione e l’uso dei beni del patrimonio indisponibile dello Stato, l’imposta regionale sulle concessioni statali dei beni del demanio marittimo, la tassa per l’abilitazione all’esercizio professionale, la tassa automobilistica, la tassa regionale per il diritto allo studio universitario, il tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi e la tariffa fitosanitaria.

“Ciò che è grave – spiega Cesetti – è che nei giorni scorsi la maggioranza stessa, probabilmente accortasi dell’errore commesso, aveva riconosciuto il carattere d’urgenza del provvedimento, salvo poi fare una clamorosa retromarcia questa mattina in aula, svuotando il consiglio regionale delle proprie prerogative e assoggettandolo ai capricci della giunta. Così facendo si nega ai marchigiani l’opportunità di ricevere un po’ di ossigeno e liquidità dopo le tante sofferenze patite a causa del lockdown. Basti pensare all’incidenza che ha nei bilanci di tante famiglie e imprese il bollo auto. Tra l’altro avremmo presentato, proprio questa mattina, anche un emendamento per rendere retroattiva la legge al primo gennaio di quest’anno, in modo da annullare le eventuali sanzioni maturate fino a oggi”.

“Dispiace davvero – conclude il consigliere dem – che tra coloro che con il proprio voto hanno impedito il dibattito ci siano il capogruppo di Forza Italia, Jessica Marcozzi, e la consigliera di Fratelli d’Italia, Elena Leonardi, che lo scorso anno, quando lo stesso provvedimento fu approvato dal centrosinistra, si espressero favorevolmente. La Lega dell’attuale assessore Mirco Carloni presentò addirittura, seppur tardivamente, anche una mozione di sollecito per l’applicazione di quel provvedimento. Appare chiaro, dunque, che la destra ne fa una questione esclusivamente di partito, ma, come sempre, sulla pelle dei marchigiani”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti