facebook twitter rss

”Il Porto degli Autori”, il prossimo incontro con De Rosa e Policastro

PORTO SAN GIORGIO - Disponibile oggi l'incontro con il medico psichiatra e consulente forense. Da sabato, invece, on line la giovane scrittrice, poetessa, giornalista e critica letteraria. Appuntamento presso i canali Facebook del Comune e San Giorgio Turismo
Print Friendly, PDF & Email

Elisabetta Baldassarri, assessore alla cultura del Comune di Porto San Giorgio

Da oggi, mercoledì 26 maggio, è online sulle pagine Facebook del Comune (istituzionale e San Giorgio Turismo) l’incontro  de “Il Porto degli autori” con Corrado De Rosa, medico psichiatra e consulente forense, che presenta il suo saggio “Italian psycho.

La follia tra crimini, ideologia e politica” edito da minimum fax. Insieme al direttore artistico Francesco Rapaccioni, De Rosa segue il filo conduttore del suo scritto: la follia, Follia come strumento di potere, follia per occultare o per proteggere politici e mafiosi o ancora per ottenere benefici di giustizia, follia per relegare al gesto imprevedibile di un pazzo le pagine più nere della storia d’Italia oppure per etichettare comportamenti umani più o meno “non conformi”.

Italian psycho è il racconto dell’uso eversivo della malattia mentale e della diversità nella storia recente e i suoi protagonisti sono accomunati dall’essere stati vittime o carnefici di questa strumentalizzazione, un viaggio lungo la linea di confine che separa la follia dalla scelta consapevole e che divide quello che la società intende per pazzia da quello che è la malattia mentale dal punto di vista della psichiatria.

Da sabato 29 maggio sarà visibile l’incontro con Gilda Policastro, giovane scrittrice, poetessa, giornalista e critica letteraria che presenta il suo nuovo romanzo “La parte di Malvasia”, edito da La nave di Teseo.  Racconta questa storia poliziesca e non poliziesca al tempo stesso, una narrazione dove il giallo della morte della protagonista si scolora nel grigio delle esistenze degli individui che con lei sono forse entrati in contatto e di quelli che indagano sul fatto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti