facebook twitter rss

Distrugge una vetrata dell’ospedale mentre aspetta un taxi, denunciato

FERMO - Il giovane ha perso le staffe nell'attendere un taxi. La Volante della Polizia di Stato ha raggiunto il ragazzo e lo ha accompagnato in Questura dove è stato fotosegnalato dalla Polizia Scientifica e denunciato all’Autorità giudiziaria per il danneggiamento aggravato
Print Friendly, PDF & Email

 

Gli saltano i nervi mentre attende un taxi e distrugge la vetrata dell’ospedale Murri con un pugno.
È quello che è successo due giorni fa al Murri dove un giovane residente sulla costa maceratese ha richiesto all’addetta al front office del nosocomio di chiamare un taxi per tornare a casa. Il personale ha subito provveduto a contattare il mezzo di trasporto pubblico ed ha comunicato al ragazzo che avrebbe dovuto attendere una decina di minuti.

“Dopo qualche minuto il giovane, visibilmente alterato, ha sollecitato all’addetta, nervosamente e con termini offensivi, l’arrivo del taxi, quasi che il tempo necessario dipendesse da lei. Ma – la ricostruzione della Questura di Fermo – alla risposta educata della donna,  il ragazzo ha iniziato a urlare colpendo il vetro di protezione del front office, senza provocare danni, ed agitandosi ulteriormente quando è intervenuta la guardia giurata che ha tentato di fargli abbassare i toni anche in considerazione della presenza di altre persone preoccupate per i suoi comportamenti.
Tornato apparentemente alla calma, è stato invitato ad attendere fuori l’arrivo del mezzo pubblico, ma nell’uscire ha improvvisamente colpito con un pugno la vetrata di ingresso, mandandola in frantumi.
La Volante della Polizia di Stato è immediatamente intervenuta sul posto raggiungendo il ragazzo e accompagnandolo in Questura dove è stato fotosegnalato dalla Polizia Scientifica e denunciato all’Autorità giudiziaria per il danneggiamento aggravato. Al termine degli adempimenti è riuscito a tornare a casa in taxi, ma questa volta ha lo ha atteso con pazienza per i pochi minuti necessari”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti