facebook twitter rss

Copagri, Recovery Fund, con ok a Pnrr si apre lunga e delicata fase di utilizzo ingenti risorse UE

COPAGRI - Verrascina, agricoltura può, vuole e deve giocare ruolo da protagonista, ma necessita di interventi su credito, rottamazione e digitalizzazione
Print Friendly, PDF & Email

Franco Verrascina, presidente Copagri

 

“L’Italia ha da tempo bisogno di un piano di ristrutturazione, risanamento e rilancio del Paese che sia credibile, serio e strutturato; tale necessità, ancora più sentita in relazione alle conseguenze socioeconomiche della fase pandemica, non può prescindere dal tenere in debita considerazione il comparto agricolo, che non dobbiamo mai dimenticare essere il motore propulsivo del tanto decantato cambio di passo green che ci chiedono le istituzioni comunitarie”. Lo sottolinea il presidente della Copagri Franco Verrascina in occasione della visita a Roma della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, durante la quale sarà annunciato l’ok dell’esecutivo UE al PNRR.

“Dopo l’ok al PNRR, la palla passa al Consiglio Ecofin, il quale ha un mese per dare il via libera definitivo, che a meno di imprevisti dovrebbe arrivare intorno alla metà di luglio; dei circa 191,5 miliardi di euro di cui dovrebbe beneficiare il nostro Paese, ovvero la porzione di fondi più ampia, il 13% circa di essi, pari a 25 miliardi, dovrebbe arrivare entro la fine del mese prossimo per essere impegnato in una serie di progetti già avviati inerenti a Transizione 4.0, internazionalizzazione ed efficientamento energetico; tutti i fondi andranno impiegati entro il 2023 e spesi entro il 2026”, precisa la Copagri.

“La disponibilità dei finanziamenti sarà però solo il primo passo di un lungo e complesso percorso che porterà alla realizzazione e alla messa in opera dei progetti previsti dal PNRR, che potrà essere raggiunta soltanto attraverso una spesa rapida ed efficiente delle ingenti risorse comunitarie”, osserva il presidente.

“In questa partita, il settore agricolo può, vuole e deve giocare un ruolo determinante, in ragione del grande contributo che può offrire al rilancio economico del Paese e al processo di transizione verde e digitale dell’intera economia. Contributo che questo straordinario segmento produttivo ha garantito con grande senso di responsabilità anche nei mesi della pandemia del Coronavirus e che è insostituibile e imprescindibile in termini produttivi ed economici, ma anche di qualità, sicurezza alimentare, garanzia degli approvvigionamenti, tutela e salvaguardia del territorio e delle risorse naturali”, rimarca Verrascina.

“Il primario ha bisogno di progetti strategici che restituiscano valore alla filiera, rilanciando la competitività e promuovendo al contempo la produttività e la sostenibilità; in altre parole, servono investimenti per l’accesso al credito in agricoltura, per un superbonus per la rottamazione delle macchine agricole e per la forestazione e la tutela dei boschi, così da mitigare i rischi legati al dissesto idrogeologico e al cambiamento climatico. Parallelamente, è fondamentale puntare con sempre maggior decisione sulla digitalizzazione delle campagne, su invasi nelle aree interne per risparmiare l’acqua e sulla ricerca da intendersi in termini di chimica verde e di bioenergie, senza dimenticare interventi specifici sui settori deficitari e in difficoltà, dalla cerealicoltura alla zootecnia passando per l’olivicoltura”, conclude il presidente della Copagri.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti