facebook twitter rss

Radiodiagnostica e gastroenterologia, ora i referti sono anche online

SANITA' - Gli esami saranno disponibili, dopo la refertazione da parte del medico specialista - spiegano dall'Ufficio relazioni con il pubblico dell'Area vasta 4 - per una durata di 45 giorni. Un Sms ed una mail al numero di telefono ed alla casella di posta elettronica, indicati alla segreteria della radiologia al momento dell’accettazione, avviseranno dell’avvenuta refertazione
Print Friendly, PDF & Email

L’ospedale Murri di Fermo

È attivo da questa settimana il sistema di consegna online di referti ed immagini per chi si sottopone ad esami a cura delle Unità operative complesse di radiodiagnostica e gastroenterologia. Si può accedere attraverso questo link.
Le credenziali vengono consegnate agli utenti al momento dell’accettazione. Il paziente riceve in quella sede un documento come promemoria per riuscire a visualizzare dal web le prestazioni ricevute e deve compilare un modulo di consenso alla pubblicazione online.

“Si ricorda che le lettere vanno inserite sempre con la maiuscola per accedere correttamente. Gli esami saranno disponibili, dopo la refertazione da parte del medico specialista – spiegano dall’Ufficio relazioni con il pubblico dell’Area vasta 4 – per una durata di 45 giorni. Un Sms ed una mail al numero di telefono ed alla casella di posta elettronica, indicati alla segreteria della radiologia al momento dell’accettazione, avviseranno dell’avvenuta refertazione. Decorsi i 45 giorni, i referti non saranno più disponibili online, ma gli interessati potranno comunque richiedere, anche successivamente, una nuova password per visionare di nuovo i file, che rimarranno in archivio per una durata di 10 anni. Per le prime due settimane dall’attivazione del nuovo sistema sarà ancora possibile scegliere tra la modalità online e l’erogazione di un Dvd contenente le immagini dell’accertamento effettuato. Il rilascio degli esami su disco si potrà comunque richiedere, con un contributo di 5 euro.
Il nuovo sistema – aggiungono dall’Av4 – rappresenta un deciso passo in avanti, nel segno di una maggiore efficienza, oltre che di una migliore sostenibilità economica ed ambientale, rispetto al precedente metodo di consegna basato su Dvd. I vantaggi per ogni paziente saranno consistenti. Non servirà più recarsi in ospedale, o nelle radiologie territoriali, in orari prestabiliti, per il ritiro dei referti. Una modalità ancor più preziosa in tempi di pandemia, al fine di evitare all’utenza di frequentare le strutture sanitarie laddove non necessario, riducendo così i potenziali rischi di diffusione del virus.
I risultati degli esami potranno comodamente essere scaricati da casa in qualsiasi momento, in formato digitale, pronti per essere condivisi anche a distanza con medici specialisti. In un tempo in cui il teleconsulto rappresenta una risorsa sempre più richiesta, avere la possibilità di inviare tutti i dati senza un supporto fisico come il Dvd, per consentire ad uno specialista di ricevere in tempo reale le immagini ed i referti, offre l’opportunità di velocizzare prestazioni e trattamento clinico.
Da non trascurare inoltre l’aspetto virtuoso sotto il profilo ambientale. Si ridurrà in modo consistente l’utilizzo di supporti fisici e plastica per la consegna dei dischi all’utenza, si eviteranno trasferimenti stradali non necessari. Un piccolo contributo, quindi, anche alla riduzione dell’inquinamento”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti