facebook twitter rss

Un tris di freschezza in casa Videx: Mercuri, Lanciani e Giacomini

SERIE A3 - Tris inedito per coach Ortenzi, che pesca rispettivamente dalla C del Montegiorgio, per il ruolo di libero/schiacciatore incarnato dal classe 1992, e dalla serie cadetta di Macerata e Potentino per quelli di centrale ed opposto, affidati ai due classe 2000
Print Friendly, PDF & Email

 

GROTTAZZOLINA – Continua a prendere forma la Videx del futuro.

Il sodalizio montegior-grottese mette un altro mattoncino sulla rosa 2021/22 e lo fa con un tris inedito ma molto interessante.

Il privilegio di iniziare spetta a chi gioca “in casa”. Stiamo parlando di Valerio Mercuri, classe ’92, la cui trafila pallavolistica parte da Servigliano e vede la piena maturazione nella formazione di Serie C del Montegiorgio, in cui si disimpegna egregiamente tanto nel ruolo di libero quanto da schiacciatore. Passione sfrenata per lo sport, amore viscerale per il volley e spiccate doti difensive hanno spinto coach Massimiliano Ortenzi a sceglierlo come fedele spalla di Roberto Romiti. Di fatto già inserito nell’orbita M&G in sponda montegiorgese, quando la chiamata è arrivata neppure lui sembrava crederci.

“E’ stato qualcosa di veramente inaspettato – racconta l’interessato -. Ho colto al volo questa occasione con l’intento di mettermi in gioco e con l’obiettivo di crescere, migliorare e divertirmi. Sono pienamente consapevole del fatto che non sarà facile adattarsi ai ritmi ed ai meccanismi della serie A3 ma ce la metterò tutta per ripagare la fiducia della società”.

Se per qualcuno la grande chance è arrivata dopo una lunga gavetta, per altri il palcoscenico della serie A giunge come occasione per provare a lanciarsi nel volley che conta. E’ questo il caso di Filippo Lanciani e Federico Giacomini: centrale ed opposto, entrambi classe 2000, provenienti dalla serie cadetta, rispettivamente dal Volley Macerata e Volley Potentino. Un’iniezione di gioventù ed entusiasmo in un contesto da sempre ricco di profili di belle speranze.

“Non ci ho pensato due volte – ha commentato Lanciani -. Conosco bene la storica importanza del volley a Grottazzolina, ne ho parlato con la mia famiglia ed alcuni amici e mi sono convinto di poter crescere moltissimo come uomo e come atleta. Ho già avuto modo di parlare con il coach e non vedo l’ora di iniziare, dovrò essere sempre concentrato e dare il massimo per dimostrarmi all’altezza dei miei nuovi compagni. Sono certo che sarà una bellissima esperienza”.

“Sono carico e pronto a fare del mio meglio, sia in allenamento che in partita, ogni qualvolta il coach deciderà di chiamarmi in causa – ha aggiunto Giacomini -. Una chiamata del genere mi fa sentire estremamente orgoglioso di me stesso e spero di crescere sempre di più, caratterialmente e tecnicamente. Farò parte di una grande squadra in un grande campionato come quello della serie A e non posso fare altro che ringraziare la società per avermi offerto questa opportunità”. Motivazioni diverse per un obiettivo comune. Quel metaforico treno, prima o poi, passa sempre per coloro che sanno aspettarlo e dimostrano di meritarlo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti