facebook twitter rss

Ranalli: “Portabandiera di un movimento per il rilancio di Montegranaro”

MONTEGRANARO - "Fondamentale è stato l'entusiasmo del nutrito gruppo di giovani e più anziani ed esperti della vita politica cittadina e provinciale, che si sono dati appuntamento per fare ripartire da Montegranaro un progetto di larga ripresa sul territorio comunale e poi provinciale"
Print Friendly, PDF & Email

Demis Ranalli

“Oramai ultimati programma e lista, ora il movimento è aperto a tutti coloro che vorranno partecipare a ricostruire un’immagine ed una collettività pubblica e politica di quella Montegranaro che fu protagonista in tutto il Fermano fino ad un paio di lustri fa”. Così, in una nota, Demis Ranalli che si dichiara “portabandiera dell’ambizioso programma di rilancio”. L’ingegner Demis Ranalli che già si è fatto carico “di portare idee innovative e molto ambiziose sulla scena politica”.

“Il rilancio della sfera pubblica e politica della città montegranarese passa da un accordo molto largo, siglato da una pluralità di gruppi e molteplicità di persone che si sono ritrovate intorno al movimento Azione di Carlo Calenda, al partito Forza Italia di Silvio Berlusconi, oltre ad un folto gruppo di civici che si sono avvicinati al programma con entusiasmo e condividendone i punti cardini quali la ripresa cittadina alla luce della gravissima pandemia che ci ha colpiti, e che ci lascia con un aggravata crisi economica, incertezze, ed una profonda crisi di identità sociale, e che ha scosso i principi fondamentali del dialogo, della democrazia e della partecipazione. Fondamentale è stato dunque – conclude Ranalli – l’entusiasmo del nutrito gruppo di giovani e più anziani ed esperti della vita politica cittadina e provinciale, che si sono dati appuntamento per fare ripartire da Montegranaro un progetto di larga ripresa sul territorio comunale e poi provinciale, perché la politica non è e non può essere fatta da personalismi ma è la più nobile e vecchia filosofia di governo e amministrazione di tutte le diverse componenti umane”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti