facebook twitter rss

Variazione di bilancio, Pd: “Risorse insufficienti per turismo e cultura. Disattese le promesse annunciate di ristoro alle attività”

CRITICA - Il gruppo assembleare del Partito Democratico in Regione boccia la variazione di bilancio di circa 4,5 milioni di euro, in quanti insufficienti per il sostegno economico alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese colpite dall'emergenza epidemiologica da Covid-19 approvata questa mattina dalla maggioranza
Print Friendly, PDF & Email

Il gruppo Pd in Consiglio regionale

Variazione di bilancio, il gruppo assembleare regionale del Partito Democratico all’attacco: “Risorse insufficienti per turismo, cultura e disattese le promesse di ristoro alle attività annunciate nel bilancio a dicembre”. Il gruppo assembleare dem, dunque, boccia la variazione di bilancio di circa 4,5 milioni di euro, in quanti insufficienti per il sostegno economico alle famiglie, ai lavoratori e alle imprese colpite dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 approvata questa mattina dalla maggioranza.

“Un provvedimento deludente – affermano i consiglieri regionali del Partito Democratico – che non solo destina a turismo e cultura risorse insufficienti, ma esclude tantissime attività commerciali, come bar e ristoranti, che hanno maggiormente sofferto le conseguenze delle restrizioni volte ad arginare la pandemia da Covid-19. Già a dicembre avevamo presentato in aula una serie di mozioni e interrogazioni per chiedere alla giunta Acquaroli interventi concreti a loro sostegno. Ci hanno detto che se ne sarebbero occupati a marzo, ma a tutt’oggi non c’é nulla. Questa variazione, che arriva tardivamente ad agosto, infatti non mette un euro di ristoro né per bar né ristoranti. D’altro canto, non è certo un caso che un organismo autonomo come il Crel abbia evidenziato nel suo parere l’esigenza di sostenere in modo più significativo le stesse imprese del settore turistico con trasferimenti correnti, tenuto conto che su 2 milioni 347 mila euro previsti dalla variazione, ben 1 milione 837 mila sono stati stanziati per la promozione e appena 600 mila per i trasferimenti alle imprese. Lo scorso anno – concludono i dem – l’amministrazione Ceriscioli mise a disposizione del tessuto economico marchigiano ben 210 milioni di euro a fondo perduto. Ci saremmo aspettati misure quanto meno analoghe da parte dell’attuale giunta regionale, ma evidentemente ci sbagliavamo”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti