facebook twitter rss

Dallo ‘Stradivari della nautica’ alla promozione della vela: un weekend tra memoria, arte e pratica sportiva

VELA - Sabato 7 e domenica 8 agosto l'iniziativa organizzata dall'associazione Nautica Picena, con un ricordo di Erasmo Silenzi, storico e abilissimo costruttore di scafi
Print Friendly, PDF & Email

PORTO SAN GIORGIO – Due giornate dedicate alla vela ed ai protagonisti di questo sport, campioni e artigiani come Erasmo Silenzi (foto).

Talentuoso maestro d’ascia di Porto San Giorgio che con i suoi scafi ha contribuito a tradurre in realtà il sogno di indimenticabili vittorie per mare. L’iniziativa “La vela a Porto San Giorgio tra memoria, arte e pratica sportiva“, che si terrà sabato 7 e domenica 8 agosto alle ore 19.00, è promossa dall’associazione Nautica Picena.

La giornata di sabato sarà dedicata all’attività ultradecennale di promozione della vela svolta dalla stessa associazione e dalla Lega Navale di Porto San Giorgio. Sono previsti gli interventi dell’avvocato Fabrizio Emiliani per la Lni e di Luciano Gaucci, tra i soci fondatori dell’Asd Nautica Picena. Sarà presente anche Daniele Malavolta, presidente dell’associazione nautica dilettantistica Liberi nel vento, il cui obiettivo è di promuovere lo sport della vela tra persone con varie disabilità fisiche, mentali e sensoriali. L’associazione è affiliata al Comitato Italiano Paralimpico e alla Fiv. Condurrà l’incontro Sergio Brunamontini, medico e appassionato di vela.

Domenica, invece, verrà ricordato Erasmo Silenzi, storico e abilissimo costruttore di scafi, tanto da meritare l’appellativo di ‘Stradivari della nautica’. Nato nel 1909, si racconta nel sito a lui dedicato che non ancora diciottenne costruì, nella soffitta di casa, un singolo da canottaggio da 5 metri, tanto che per farlo uscire si rese necessario farlo passare dall’abbaino sul tetto. La sua carriera iniziò con i pattini a remi, che diventarono ben presto celebri nella cittadina balneare per la loro leggerezza e grande maneggevolezza. Negli anni ’50 progettò e creò diversi motoscafi con motore fuoribordo e una grande varietà di imbarcazioni, tra cui due ‘canotti’ a 4 rematori e timoniere, lunghi 6 metri, per la Lega Navale, realizzati in fasciame sovrapposto chiodato (tecnica originale usata per i Dinghy). Negli anni 60 Silenzi si dedicò alla costruzione dei primi Flying Junior in legno lamellare, alcuni dei quali saranno venduti in Svezia e in Olanda. Negli anni 70 prese a costruire i Flying Duchtman, le ‘Ferrari del mare’.

Molti equipaggi a livello nazionale gareggeranno con le barche Silenzi. Nel 1976 Carlo Croce partecipò alle Olimpiadi di Montreal-Kingston, in Canada, con una imbarcazione realizzata da Erasmo appositamente per lui. Negli anni successivi continuò a perfezionare le tecnologie di costruzione esplorando le tecnologie di materiali compositi, come legno-kevlar. Anche dopo essere andato in pensione, Silenzi non smise di apporre la sua ‘firma’ su pezzi unici: l’ultimo un FJ, l’Optimist creato appositamente per la nipote. E’ morto nel 2004.

A ricordarlo ci saranno Federico Radente, collaboratore storico di Erasmo, ed il figlio Luigi. Per l’occasione, saranno esposte alcune imbarcazioni frutto della sua esperienza e ingegnosità: un Dinghy, Pattino ed un Flying Duchtman messi a disposizione dai rispettivi proprietari.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti