facebook twitter rss

“Ricostruzione e internazionalizzazione le sfide per edilizia e calzaturiero”, segnali di fiducia nel focus di Confartigianato: sale il Fermano

AZIENDE - Menichelli e Mengoni: "Dispiace invece sottolineare il mancato inserimento delle Marche tra le regioni che accederanno alla Decontribuzione del 30%. Una decisione che ha creato nella sua applicazione a macchia una disparità concorrenziale tra le aree d’Italia, penalizzando quel nostro Distretto della Calzatura già in forte crisi"
Print Friendly, PDF & Email

Giorgio Menichelli (sin.) ed Enzo Mengoni

“Ricostruzione e internazionalizzazione sono le grandi sfide per edilizia e calzaturiero”. Arrivano, finalmente, segnali di ripartenza. E sono evidenziati dal focus che è stato realizzato dall’Ufficio Studi di Confartigianato Marche, in collaborazione con l’Ufficio Studi nazionale, circa la ripresa dei settori produttivi marchigiani.
Un’iniezione di fiducia nei settori produttivi del Maceratese, dell’Ascolano e del Fermano, anche se persistono molte criticità lasciate dalla pandemia. La scia della crisi potrebbe essere ancora lunga, ma la forza e la capacità di reagire dell’artigianato e delle micro e piccole imprese faranno la differenza. Valori aggiunti per guardare alla risalita.

“Il dato di questa spinta – spiegano da Confartigianato – emerge a partire dal tasso di crescita delle imprese artigiane nel II trimestre 2021, che è tutto sommato positivo nelle Marche, fatta eccezione di una flessione nel Maceratese: un territorio che comunque conserva la sua dinamicità con l’apertura di nuove realtà imprenditoriali, che limita le perdite.

Al 30 giugno 2021 sono registrate nel Maceratese infatti 10.149 imprese artigiane, di cui iscritte 165: un dato alto, vicinissimo alle 167 nate nel Pesarese e sopra le 164 dell’Anconetano. Nel Maceratese le imprese cessate sono però 205 (-40 il rapporto iscrizioni/cessazioni). Regge l’Ascolano con un saldo di 17 aziende in più (85 iscrizioni e 68 cessazioni) e sale il Fermano: per le sue 6.045 imprese il II trimestre 2021 segna 123 iscrizioni e 80 cessazioni (+43). Altri significativi indici di ripartenza arrivano dal sistema Marche, che vede nel I trimestre 2021 un export manifatturiero con un +3,0% e prestiti alle piccole imprese che nel marzo 2021 segnano un più 9,3%. Riprova della tornata fiducia generalizzata sull’economia regionale”.

Nelle Marche sud le maggiori sfide si concentreranno nei settori dell’edilizia e del comparto moda. Come riflettono Enzo Mengoni e Giorgio Menichelli, rispettivamente Presidente e Segretario generale Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo.

“Con la pandemia – hanno spiegato Mengoni e Menichelli – i nostri imprenditori sono chiamati ad interpretare le prospettive e seguire con coraggio nuovi percorsi. La nostra tenacia ci darà la forza per superare l’ostacolo e questo cambio di passo avverrà solo grazie all’unione di tutti i soggetti, pubblici e privati. È quello che sta sicuramente avvenendo nell’edilizia e nel nostro entroterra ancora ferito dal sisma. Il 2021 sta segnando la svolta nella ricostruzione, con l’apertura di tantissimi cantieri. Questo slancio è anche stato reso possibile dall’azione decisa dell’Ufficio Ricostruzione e del Commissario Giovanni Legnini, che hanno sbloccato diverse questioni. Certo, restano ancora alcune problematiche, ma confidiamo che l’Ordinanza Imprese ci darà una giusta direzione. Pensiamo, ad esempio, ai ritardi nei pagamenti come una delle prime urgenze da affrontare. Anche il Pnrr, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, rappresenta un’opportunità da cogliere per le Pmi. Tale piano prevede “Interventi di rigenerazione delle aree del terremoto”, con una dotazione finanziaria specifica di un miliardo e 780 milioni di euro a carico del Recovery Fund-Pnrr e con un’ulteriore dotazione di 2 miliardi e 950 milioni a valere sulle risorse della programmazione dei fondi strutturali Ue 2021-2026. Vero è che il costo delle materie prime, schizzato alle stelle, è una grande zavorra alla spinta imprenditoriale. Ma sembrano esserci all’orizzonte novità, con l’Ufficio Ricostruzione che sta lavorando per sgonfiare questa bolla. Anche la difficoltà nel reperire manodopera altamente specializzata va ad inserirsi sulle condizioni che frenano la ricostruzione. La mancanza di lavoratori qualificati si registra comunque non solo nel comparto edile”.

Andando sul fronte della moda, un comparto che ha pesantemente subito gli effetti della pandemia, “registriamo la buona ripartenza di importanti manifestazioni fieristiche nazionali ed internazionali in presenza. Un plauso alla Regione Marche e alla Camera di Commercio delle Marche per la vicinanza alle aziende.

L’export ci fa ben sperare, perché arrivano segnali positivi. Ci piace ricordare il recentissimo accordo biennale tra il colosso Amazon e la Regione, che porterà giovamento e nuove vetrine per il Made in Marche nel mondo. Anche perché, purtroppo, il mercato interno sconta una decrescita del 4%. Altro tasto dolente, siamo meno concorrenziali sul profilo del prezzo di molti Paesi Europei, dove il costo della manodopera è inferiore. L’internazionalizzazione può però fare la differenza, considerando che il 60% delle nostre produzioni moda segue la via oltre i confini nazionali. Dispiace invece sottolineare il mancato inserimento delle Marche tra le regioni che accederanno alla Decontribuzione del 30%. Una decisione che ha creato nella sua applicazione a macchia una disparità concorrenziale tra le aree d’Italia, penalizzando quel nostro Distretto della Calzatura già in forte crisi”.

“Siamo onesti – le conclusioni – il quadro non è certo dei migliori, ma dobbiamo cogliere quelle sfumature e aggrapparci ai sentori incoraggianti. Partiamo dal nostro saper fare e rialziamo il sistema produttivo”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti