facebook twitter rss

Ciclabile, avanti tutta: vertice a settembre con i balneari. Montagnoli (Sib): “Parcheggi nodo da sciogliere”

PORTO SAN GIORGIO - "Certo il problema dei parcheggi ci sarà, come quello del traffico nelle vie interne in cui si modificheranno i sensi di marcia. Tuttavia attendiamo di essere convocati prima di esprimere una opinione definitiva"
Print Friendly, PDF & Email

di Sandro Renzi
Corsia ciclabile avanti tutta. L’Amministrazione comunale, formalizzando il passaggio in giunta, fissa un punto di non ritorno per un progetto che potrebbe stravolgere la viabilità cittadina da qui ai prossimi mesi. L’idea è di agganciarsi ai lavori che partiranno a Lido di Fermo con lo stesso obiettivo: realizzare una pista per le due ruote in un tratto che manca ancora all’appello. La scelta agostana di dare la stura al progetto ha colto di sorpresa i balneari intenti a salvare la seconda stagione all’insegna del Covid. Per ora hanno ottenuto l’impegno degli amministratori a fissare un incontro a settembre. “Confrontarsi su un argomento così importante è necessario e doveroso” spiega Romano Montagnoli, vicepresidente del Sib, nel tentativo di smorzare i toni di alcuni colleghi contrariati, più che dal progetto, dagli effetti che produrrà sulla viabilità e sui parcheggi.

Romano Montagnoli

“Un’opera per cui si stima di spendere 10 milioni di euro, ovvero la riqualificazione del lungomare, non può essere sottratta al confronto e la città deve esserne messa al corrente. Poi la politica farà le sue scelte. Certo il problema dei parcheggi ci sarà, come quello del traffico nelle vie interne in cui si modificheranno i sensi di marcia. Tuttavia attendiamo di essere convocati prima di esprimere una opinione definitiva” prosegue Montagnoli. Che la corsia o la pista siano ormai improcrastinabili è un dato di fatto nella misura in cui a nord ed a sud di Porto San Giorgio già esistono. Per non parlare del ponte ciclopedonale che dovrebbe essere inaugurato ed aperto entro l’anno. Mentre in altri Comuni vicini progetti analoghi non hanno creato o rischiato di creare disagi e tantomeno sollevato polemiche, nella città governata dal sindaco Nicola Loira invece la conformazione urbanistica è tale da rendere necessario mettere mano anche alla viabilità interna se si vuole trovare spazio per una corsia ciclabile da realizzarsi secondo i crismi consentiti dalle normative approvate in tempi di Covid. Tradotto: traslare i parcheggi ad ovest del lungomare, istituire il senso unico nord sud tutto l’anno e perdere nella zona centrale circa un centinaio di posti auto se si considerano i passi carrabili da preservare. E poi il nodo viabilità principalmente sul tratto nord di viale della Vittoria dove le auto transiterebbero in direzione nord da via Veneto. E i residenti sono già in fermento temendo che gli annunciati cambi possano incrementare i volumi del traffico in zone non adatte a sopportarli. Ma di questo si parlerà dopo la pausa estiva.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti