facebook twitter rss

Dopo cinque anni riapre la Collegiata, Marziali: “Emozione doppia per la festa del patrono San Nicola”

MONTERUBBIANO - La sindaca: "Oggi festeggiamo il nostro patrono, San Nicola, rinnovando un rapporto profondo e sincero di devozione e di riconoscenza, riponendo più che mai una grande fiducia nella sua protezione per la nostra Monterubbiano. La riapertura della Collegiata sarà un’emozione che vivremo insieme domenica prossima, alla presenza delle istituzioni e del vescovo, monsignor Rocco Pennacchio"
Print Friendly, PDF & Email

Quest’anno, a Monterubbiano, la festa del patrono San Nicola, assume una valenza ‘doppia’. Sì perché a rendere ancor più speciale la ricorrenza, questa volta c’è la riapertura della Collegiata, dopo cinque anni di chiusura forzata a causa del terremoto. E a celebrare l’evento nell’evento è direttamente la sindaca Meri Marziali che non nasconde una certa emozione: “Oggi festeggiamo il nostro patrono, San Nicola, rinnovando un rapporto profondo e sincero di devozione e di riconoscenza, riponendo più che mai una grande fiducia nella sua protezione per la nostra Monterubbiano. Una festa cittadina che – le sentite parole della sindaca – quest’anno assume un grande significato per la riapertura della nostra Collegiata, dopo quasi 5 anni di chiusura. Sarà un’emozione che vivremo insieme domenica prossima, alla presenza delle istituzioni e del vescovo, monsignor Rocco Pennacchio”.

Un appuntamento importante, anzi doppiamente importante, per la comunità monterubbianese “che ci ricorda come è possibile, giorno dopo giorno, costruire insieme e dare speranza al nostro futuro. Un futuro che sarà il nostro tratto di strada, oggi come ieri sotto la protezione di San Nicola a cui affidiamo speranze e propositi. Voglio ringraziare il nostro parroco don Franz e tutti i cittadini che, in queste settimane, hanno lavorato con impegno e passione per completare la sistemazione della Collegiata. A nome dell’amministrazione comunale auguro a tutti i monterubbianesi una serena Festa di San Nicola”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti