facebook twitter rss

“Scuola Aporti, fiore all’occhiello del primo giorno”

PORTO SAN GIORGIO - Il sindaco Loira ed il vice Gramegna saluteranno, mercoledì 15 settembre, l’inizio dell’anno scolastico nell'istituto dell'infanzia inaugurato per l’occasione. Il commento degli amministratori che, per la realizzazione dell'edifico, hanno intercettato un finanziamento ministeriale di 965 mila euro
Print Friendly, PDF & Email

 

Il sindaco Nicola Loira ed il vice Francesco Gramegna (nella foto) saluteranno, mercoledì 15 settembre, l’inizio dell’anno scolastico nella scuola dell’infanzia Aporti, inaugurata per l’occasione.

Gli interventi che sono stati portati avanti hanno riguardato la ristrutturazione dell’edificio ed il completo rinnovo dell’impiantistica in favore dell’efficientamento energetico. Il recupero ha tenuto conto della storicità dell’edificio collocato nel rione Gessare Cappellette e le nuove norme ed esigenze della didattica. Per la realizzazione il Comune era riuscito ad ottenere un finanziamento ministeriale di 965 mila euro.

“Il personale del Comune è al lavoro da settimane per gli ultimi interventi di manutenzione anche negli altri istituti – spiega Gramegna – . Il lavoro, con l’emergenza Covid, ha visto anche l’adeguamento alle nuove normative e ci vedrà anche successivamente impegnati ad apportare eventuali modifiche. Accoglieremo con entusiasmo la riapertura di uno storico edificio, sarà la principale novità della giornata, il fiore all’occhiello dell’istruzione di quest’anno”.

Gli uffici comunali rendono noto che il servizio di refezione sarà disponibile fin da subito in tutti i plessi ad eccezione della media Montessori, per la quale il servizio verrà attivato dopo la conclusione dei lavori di allestimento della nuova sala, prevista entro fine settembre. Per la fruizione è necessario provvedere all’iscrizione attraverso il portale School.net seguendo le istruzioni presenti sul sito internet comunale.

“Proseguiamo la più che positiva esperienza con la San Giorgio Distribuzione Servizi – aggiunge Gramegna -. Ad inizio 2021 è partita la sperimentazione che ha avuto valutazioni positive sul servizio anche da parte del Comitato mensa composto dai referenti istituzionali, da insegnanti, genitori e dal nutrizionista. Tra gli argomenti trattati e che porteremo avanti c’è quello del cibo biologico su cui l’Amministrazione comunale ha avuto modo di investire tenendo fede ai criteri minimi ambientali”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti