facebook twitter rss

Lavoro e scuola: Fendi apre a Fermo per sostenere il Made in Italy

FERMO - Il Ceo del noto marchio il dott. Brunschwig ospite all’Ipsia Ricci per lanciare una nuova masterclass
Print Friendly, PDF & Email

Il noto marchio di moda e lusso Fendi aprirà un suo stabilimento produttivo di calzature a Fermo. L’annuncio questa mattina, nel giorno dell’avvio dell’anno scolastico nelle Marche, da parte di Serge Brunschwig, Ceo di Fendi che ha ufficialmente inaugurato all’Ipsia ‘O. Ricci’ di Fermo il progetto ‘Adotta una Scuola’, realizzato dalla Fondazione Altagamma (che riunisce oltre 200 imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana, tra cui Fendi), in partnership con il Ministero dell’Istruzione, per valorizzare l’impegno per la formazione artigiana delle aziende del Made in Italy e che vede insieme proprio Fendi e Ipsia.

A fare gli onori di casa la dirigente scolastica Annamaria Bernardini che ha sottolineato l’importanza del progetto legato alla scuola e alle sue peculiarità di istituto che storicamente forma in campo tecnico e professionale e nella moda. Parole piene di entusiasmo del dott. Brunschwig: “Sono da poco qui ma sono molto affascinato dal saper fare di questo territorio in cui crediamo, Fermo è molto importante per noi per questo abbiamo deciso di trasferire l’attuale nostra realtà di produzione di calzature da Porto san Giorgio a Fermo con 300 maestranze. Adottare inoltre una scuola per la nostra progettualità, strettamente connesse fra di loro, ci è sembrato giusto perché siamo convinti che sia necessario suscitare vocazioni e questa è la prima classe che adottiamo”.

Sono 110 i brand che fanno parte della Fondazione Altagamma che hanno sottoscritto delle partnerships con gli istituti tecnici e professionali pubblici su tutto il territorio nazionale, “per sviluppare – ha detto la direttrice della Fondazione Stefania Lazzaroni – percorsi di formazione realmente corrispondenti alle esigenze del settore, visto che sono secondo i nostri studi ben 270 mila i posti di lavoro che mancano in questi settori”.

Un progetto che ha visto anche la partecipazione di Alexandre Boquel, direttore Me Lvmh che ha messo in luce il bagaglio di conoscenze che i giovani possono portare con questa iniziativa e li ha invitati ad essere fautori del loro futuro. Ad esprimere soddisfazione anche la Regione Marche con l’assessore regionale all’istruzione Giorgia Latini che ha detto: ”Siamo molto lieti di quanto Fendi ha deciso di fare qui, decisione che accogliamo con piacere. Una scelta che farà bene perché vede appunto il mondo dell’impresa interfacciarsi con il mondo della scuola fra i quali per troppo tempo si è ravvisato uno scollamento. Per cui ringraziamo e plaudiamo a questo obiettivo che Fendi ha voluto porre qui”.

Motivo di orgoglio anche per la città di Fermo come ribadito dal sindaco Paolo Calcinaro: “Un’occasione straordinaria per Fermo ed il territorio per cui ringraziamo il marchio Fendi, prestigioso e noto a livello mondiale per aver scelto la nostra città – ha detto il primo cittadino che ha donato al dott. Brunschwig una stampa a china della città, un libro e una stampa sul teatro dell’Aquila, invitandolo a tornare a Fermo per una visita dei suoi siti culturali – dando un segnale assolutamente importante in questo periodo per l’economia locale e non poteva esserci giorno migliore che quello in cui prende inizio l’anno scolastico a dimostrazione del legame sempre forte ma mondo dell’istruzione e lavoro. Ancora un sentito ringraziamento a Fendi per aver portato a Fermo questo piccolo grande sogno”.

Presenti anche i consiglieri regionali Marco Marinangeli e Andrea Putzu che hanno messo in evidenza come “l’attenzione ed il radicamento dei grandi marchi per questo territorio rappresentino una boccata d’ossigeno e un segno di speranza per il mondo produttivo locale e non solo, un’occasione di futuro per i giovani di questa provincia ed è la dimostrazione lampante di come l’artigianalità ed il saper fare del nostro distretto calzaturiero siano universalmente riconosciuti e apprezzati”. Dunque, un nuovo investimento di grande importanza sul territorio di Fermo che parte nel segno dello sviluppo e della crescita.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti