facebook twitter rss

Atleti, dirigenti e tecnici premiati dal Comitato Paralimpico Marche: “Siete il nostro orgoglio”

CAMPIONI - Il presidente Savoiardi lancia l’appello: «Il mio pensiero va a coloro che ogni giorno devono disputare la propria paralimpiade. L’auspicio è che, dopo la meritatissima eco mediatica, i riflettori si accendano anche sui vari aspetti della disabilità che quotidianamente persone comuni e sconosciute devono affrontare»
Print Friendly, PDF & Email

 

benemerenze-paralimpici-tokyo

I premiati

 

Il Comitato Paralimpico Marche premia gli atleti, dirigenti, tecnici e volontari più meritevoli per l’attività svolta di promozione della pratica dello sport. L’ha fatto nel corso di una cerimonia, organizzata dallo stesso Comitato marchigiano, in cui ha consegnato le proprie Benemerenze e che si è tenuta presso l’auditorium della Mole Vanvitelliana. «Si meritano questo riconoscimento – dice Luca Savoiardi, Presidente del Comitato Paralimpico Marche – a loro va la nostra gratitudine e apprezzamento per l’attività che conducono quotidianamente. Esprimiamo inoltre tutte le nostre congratulazioni – continua – anche agli atleti marchigiani che hanno composto la nostra delegazione di Tokyo. Ottimo sia il numero dei nostri rappresentanti, 5 di cui 4 atleti e un arbitro (Ndiaga “Cenga” Dieng, Giorgio Farroni, Federica Sileoni e l’arbitro Maurizio Zamponi. Assente solo Assunta Legnante che ha portato i suoi saluti, ndr). Ricordiamo che il contributo marchigiano al record italiano di 69 medaglie paralimpiche è stato di ben 4 medaglie, con il bronzo di Cenga nei 1500 metri, l’argento di Farroni nella crono e i due argenti della Legnante nel peso e nel disco, sia per gli eccellenti risultati conseguiti. Risultato non certamente casuale ma frutto del costante lavoro fatto negli anni dalle società sportive, dai tecnici, dai volontari e dai giudici che hanno fortemente creduto nello sport paralimpico oltre ad una sana e seria politica sportiva perpetrata negli anni dal Cip Marche, tutta indirizzata a sviluppare lo sport paralimpico. Per il futuro prevedo un un’ulteriore crescita dello sport paralimpico marchigiano a tutti i livelli e discipline».

E poi l’appello da parte del Presidente Savoiardi, durante la cerimonia condotta dal giornalista sportivo Andrea Carloni: «Il mio auspicio è che l’enorme evento mediatico paralimpico sia utile per accendere i riflettori non solo sui campioni ma anche sui vari aspetti della disabilità che quotidianamente persone comuni e sconosciute devono affrontare. Il mio pensiero va a coloro che ogni giorno devono disputare la propria paralimpiade. E credo che il Comitato Paralimpico, in quanto Ente pubblico, abbia il compito morale proprio di pensare a progetti attivi di inclusione, integrazione e rilancio motivazionale di queste persone. Per il nostro movimento, già enormemente cresciuto negli anni dal punto di vista culturale, questo sarebbe un meraviglioso ulteriore salto in avanti». Di seguito i nomi dei premiati in cui sono inclusi anche coloro che non sono stati premiati gli scorsi anni causa pandemia: per l’anno 2018 Ruud Koutiki (Medaglia d’argento), Dieng Ndiaga (Medaglia d’oro), Giovanni Palumberi (Palma di Bronzo), ASD Picena Non Vedenti (Stella di Bronzo). Per l’anno 2019 Francesco Lombardi (Medaglia d’oro), Francesco Nespeca (Medaglia d’oro), Roberto Novelli (Stella d’oro), Domenico Tossichetti (Stella d’oro). Per l’anno 2020 Andrea Evangelisti (Stella di Bronzo), Nelio Piermattei (Stella d’oro), Pietro Stroppa (Stella di Bronzo), Cristina Ranocchi (Palma di Bronzo), PODIF Fabriano (Stella d’argento).

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti