facebook twitter rss

Ad ottobre un “pellegrinaggio” speciale per la Madonna del Pianto

FERMO - La Commissione (della quale fanno parte anche il Rettore del Santuario ed il Priore della Confraternita del Pianto) ha pensato di organizzare ogni anno, nel mese di ottobre quattro settimane di “pellegrinaggio” del simulacro in quattro diverse parrocchie di una stessa vicaria dell’Arcidiocesi
Print Friendly, PDF & Email


È iniziato il mese di ottobre e con esso prende il via anche una nuova iniziativa proposta dalla Commissione della Vicaria di Fermo per la promozione della devozione alla Madonna del Pianto, che vede protagonista proprio il simulacro della Madonna con le sette spade. In attesa di rivederla all’interno del Santuario, la Commissione (della quale fanno parte anche il Rettore del Santuario ed il Priore della Confraternita del Pianto) ha pensato di organizzare ogni anno, nel mese di ottobre (mese mariano con una forte attenzione al tema delle missioni), quattro settimane di “pellegrinaggio” del simulacro in quattro diverse parrocchie di una stessa vicaria dell’Arcidiocesi.

In questo modo sarà possibile avere nella propria chiesa parrocchiale la statua della Madonna ed organizzare alla “sua presenza” iniziative pastorali, momenti di preghiera o incontri di catechesi grazie ai quali conoscere la sua storia, accrescere la devozione, rafforzare la propria fede.

La prima vicaria ad accogliere il simulacro della Madonna sarà proprio quella di Fermo: dall’1 all’8 ottobre la Madonna rimarrà nella parrocchia di San Francesco, nella quale proprio ieri, lunedì 4 ottobre, si è vissuta un’intensa celebrazione eucaristica presieduta dall’Arcivescovo Pennacchio in occasione della festa liturgica del Santo Poverello di Assisi.

Dall’8 al 15 ottobre toccherà alla Parrocchia di San Giovanni Bosco accogliere il simulacro della Madonna del Pianto; poi sarà la volta della parrocchia di Santa Lucia dal 15 al 22 ottobre ed infine chiuderà questo primo pellegrinaggio la Parrocchia di Sant’Antonio da Padova, dal 22 al 29 ottobre. Dopo questa data, il simulacro tornerà al Santuario in attesa della sua riapertura solenne il prossimo 1 novembre, alle ore 18.00, con una messa presieduta dall’Arcivescovo. “Sarà l’occasione per tornare a vivere il Santuario dopo mesi di chiusura – fanno sapere dalla commissione per la devozione alla Madonna del Pianto – e per apprezzare l’ultimo intervento di restauro pittorico che è stato portato a termine recentemente”. Dopo l’importante e definitivo intervento di restauro e consolidamento che ha sanato i danni del terremoto infatti, il Santuario è stato anche oggetto di un restauro pittorico della cupola e della navata centrale, non previsto in un primo momento, grazie al quale sarà possibile ammirare le decorazioni nella loro originaria bellezza. Per questo intervento, la commissione ha anche avviato una raccolta fondi per sostenere il Santuario nei pagamenti dei lavori effettuati: chiunque può contribuire chiedendo informazioni al proprio parroco, telefonando al n. 333.9400805 o effettuando un bonifico all’iban IT-58-R-06150-69450-CC0010089780, beneficiario: “Santuario Maria SS. del Pianto”, specificando come causale “Restauro 2021”.

“E’ davvero bello – concludono dalla Commissione – che la Madonna del Pianto possa simbolicamente incontrare le comunità dei fedeli nelle proprie parrocchie attraverso la presenza della statua in chiesa. È un modo per raggiungere più persone, per risvegliare una devozione, per far conoscere un santuario nel quale poter poi tornare per trovare pace, serenità e raccoglimento”


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti