facebook twitter rss

Al via i lavori per la realizzazione della ciclovia turistica dell’Ete Vivo

FERMO / PORTO SAN GIORGIO - Inaugurato quest'oggi, all'altezza della fermana via Respighi, il cantiere finalizzato alla realizzazione dell'opera pubblica che riguarderà da vicino i due importanti centri provinciali, per una tratta progettuale ad interessare costa ed entroterra 
Print Friendly, PDF & Email

 

E’ la ditta Sam Costruzioni di Monte San Giovanni Campano (FR) ad eseguire, dopo che è avvenuta l’aggiudicazione nei giorni scorsi, i lavori del primo stralcio della ciclovia turistica Ete Vivo, primo step che ha ottenuto un finanziamento regionale di 300 mila euro (nell’ambito del bando per la realizzazione di ciclovie di interesse regionale).

Il progetto, come noto, individua una rete ciclabile che collega Fermo, capofila dell’intervento, con Porto San Giorgio. Per il Comune di Fermo il tratto interessato, per questo primo stralcio, è quello di via Ottorino Respighi. Il tratto scelto per questo primo tratto nel Comune di Porto San Giorgio riguarda la zona a sud, compresa tra via Martiri di Cefalonia e via Giochi Olimpici.

Questa mattina è avvenuta la consegna e l’avvio dei lavori (foto) con il cantiere aperto nel tratto fermano di via Respighi. “E’ un progetto importante di cui oggi hanno preso il via i lavori del primo tralcio per questa ciclovia che collegherà Fermo e Porto San Giorgio, il tratto fermano in particolare dalla parte della Castiglionese – le parole del sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro –, azione che fa parte del disegno più complessivo dell’amministrazione comunale su sostenibilità e mobilità dolce, su cui sono già diversi gli interventi che abbiamo eseguito e che eseguiremo anche in ottica turistica”.

L’individuazione delle piste ciclabili esistenti, ed il percorso della vecchia ferrovia che collegava Porto San Giorgio a Fermo, è stato il primo passo per definire la rete ciclabile allo stato di progetto. “Si tratta di un progetto in cui crediamo e che va nella direzione da noi sempre perseguita, così come a livello regionale e nazionale di realizzare percorsi di mobilità sostenibile, per città sempre più moderne e all’avanguardia anche sotto questi punti di vista – ha detto l’assessore ai lavori pubblici, Ingrid Luciani -. Per cui ringrazio l’ufficio tecnico comunale per il lavoro portato avanti fino a questo momento, e per quello che coordinerà”.

Il percorso ciclopedonale complessivo, individuato nel progetto di fattibilità, vede la parte sud del Comune di Porto San Giorgio e si sviluppa lungo il percorso della ex ferrovia. Si prosegue quindi verso il Comune di Fermo, sempre in ambito di viabilità e proprietà comunale. Si procede fiancheggiando la strada provinciale Castiglionese per proseguire in ambito urbano su strada comunale Castiglionese e nel tratto finale di questa si torna a ripercorrere il tracciato della ex ferrovia passando per la pista di atletica, il polo scolastico e la sede della Provincia di Fermo fino a raggiungere il nuovo polo scolastico Betti Fracassetti passando per via Respighi e via Perlasca, per poi raggiungere nell’ultimo tratto, sempre ricalcando l’antica ferrovia, il fiume Tenna a Campiglione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti