facebook twitter rss

Fermana, per il team manager Walter Matacotta maturano le 500 panchine in gialloblù

SERIE C - Un traguardo importante quello raggiunto dal dirigente sportivo canarino, che nella gara vinta sul Pontedera ha potuto festeggiare con un'apposita maglia celebrativa. "I picchi di massima? Come gioia il ritorno nel professionismo, l'amarezza maggiore: l'epilogo dell'Eccellenza contro l'Ancona", gli umori del diretto interessato
Print Friendly, PDF & Email

Il direttore generale Fabio Massimo Conti con il team manager Walter Matacotta e la maglia celebrativa per le 500 panchine vissute dal dirigente fermano per la causa sportiva gialloblù

FERMO – Un traguardo importantissimo quello appena raggiunto dal club manager della Fermana Football Club, fermano doc, Walter Matacotta.

Parliamo delle 500 gare vissute in panchina nel ruolo di team manager della Fermana, il tutto sempre con straordinaria passione e amore per i colori sociali. “Raggiungere questo traguardo è una sensazione bellissima, perché testimoniano la passione e l’amore sportivo di una vita. Dalla prima panchina nel 2008 fino alla presenza numero 500 contro il Pontedera ho vissuto tantissime emozioni: gioie, dolori, delusioni e vittorie. Il tutto però come sempre con un unico denominatore, l’amore smisurato per questa maglia e per questi colori. Perché la Fermana è una passione fin da piccolo, da quando per la prima volta sono andato in tribuna e poi in Curva a vivere la partita”, le parole dell’interessato rilasciate ai canali ufficiali canarini.

Le emozioni maggiori?– ha proseguito – Ne dico una molto positiva e una grande delusione. Ricordo senza dubbio l’anno in cui siamo ritornati nel professionismo. La vittoria della Serie D è stata qualcosa di incredibile, una gioia immensa che ho avuto il piacere di vivere in panchina. Difficile raccontare le sensazioni di quella annata unica. Per la delusione non ho dubbi: dico che Fermana-Ancona è una ferita indelebile che ho faticato a metabolizzare per molto tempo”.

“Ho avuto la fortuna e il piacere di vivere queste stagioni al fianco di grandi allenatori e tecnici di primissima importanza. Tutti mi hanno insegnato qualcosa e con tutti ho un rapporto importante. Con tre di loro posso dire che il rapporto è speciale e ho imparato veramente tanto, penso ad Osvaldo Jaconi, Flavio Destro e Giovanni Cornacchini”, le conclusioni di Matacotta.

 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti