facebook twitter rss

Confartigianato: “Super Green Pass e terza dose? Ok alla stretta. Gli imprenditori vogliono scongiurare nuovi lockdown”

AZIENDE - Il presidente e il segretario generale Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo, Enzo Mengoni e Giorgio Menichelli: "L’obbligo di vaccinazione esteso a più categorie è inoltre uno strumento utile a garantire un freno alla diffusione del virus in luoghi di grande afflusso e va incontro ad un obiettivo che condividiamo: quello di convincere il più possibile gli indecisi ad aderire alla campagna vaccinale"
Print Friendly, PDF & Email

Giorgio Menichelli (sin.) ed Enzo Mengoni

“Green Pass rafforzato e terza dose? Promuoviamo la stretta. Gli imprenditori, tutti, vogliono scongiurare nuovi lockdown”. E’ quanto dichiarano il presidente e il segretario generale Confartigianato Imprese Macerata-Ascoli Piceno-Fermo, Enzo Mengoni e Giorgio Menichelli in merito alle nuove disposizioni governative, restrittive, per combattere la pandemia.

“Le novità apportate nell’ultimo decreto-legge, voluto in Consiglio dei Ministri per contenere gli effetti della ‘quarta ondata’ di Covid-19, viene accolto positivamente dagli imprenditori. Il sistema produttivo è, infatti, sostanzialmente favorevole ad una “stretta” che scongiuri l’ipotesi di altri lockdown. Non possiamo infatti permetterci ulteriori chiusure, sarebbero devastanti. Prevediamo, intanto, che le nuove misure avranno un impatto marginale per le imprese, dal momento che queste si sono già adeguate agli obblighi, dimostrando grande senso di responsabilità. Anche i clienti, in generale, hanno recepito l’osservanza delle normative ed è residuale la percentuale di chi accede alle strutture utilizzando un tampone negativo. C’è chi teme che possibili limitazioni alla socializzazione potrebbero pesare sul lavoro, ma siamo tutti concordi che il rischio maggiore sia quello di mandare in fumo la ripresa in caso di peggioramento della situazione pandemica. In ballo c’è il fatturato del periodo natalizio e non dobbiamo vanificare quella ripresa che è all’orizzonte nel 2022. Siamo perciò convinti della bontà della “stratta” per evitare gli effetti dell’ipotetica “quarta ondata” e scongiurare anche i rischi di restrizioni ulteriori a ridosso delle festività pasquali”.

E sulla validità del Green Pass? “Pensiamo che – aggiungono il presidente e il segretario generale della sigla degli artigiani – la riduzione a 9 mesi sia comunque adeguata, perché coprirà comunque il periodo invernale, momento di maggiore picco pandemico. Abbiamo inoltre applaudito all’apertura dello slot della terza dose per gli over40 e l’imminente inizio anche per gli over18: come abbiamo più volte ribadito, la posizione di Confartigianato è sempre stata quella di aderire in massa alla campagna vaccinale. Confartigianato ha anche ottenuto un’importante conquista, vista la semplificazione sulle procedure di controllo del Green Pass nei luoghi di lavoro. Fin da subito chiedevamo procedure agevoli, quindi accogliamo positivamente le modifiche migliorative, da noi suggerite. In primis, la possibilità per i lavoratori di consegnare al proprio datore di lavoro la copia della certificazione verde, per evitare verifiche giornaliere. L’obbligo di vaccinazione esteso a più categorie è inoltre uno strumento utile a garantire un freno alla diffusione del virus in luoghi di grande afflusso e va incontro ad un obiettivo che condividiamo: quello di convincere il più possibile gli indecisi ad aderire alla campagna vaccinale”. 

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti