facebook twitter rss

Bobcat rubato, il Radiomobile lo rintraccia in un capanno: denunciato un fermano per tentato riciclaggio

FERMO - Gli specifici accertamenti condotti sul posto dagli uomini dell'Arma hanno consentito di stabilire che la macchina risultava provento di furto, commesso all’interno di un cantiere edile di Amandola, il 27 novembre
Print Friendly, PDF & Email

Proseguono in ogni direzione le attività sul territorio da parte dei carabinieri di Fermo: recuperato un bobcat e denunciato un uomo di circa 50 anni, fermano, per tentato riciclaggio.

Nell’ambito dei controlli condotti dai carabinieri di Fermo, nel pomeriggio di ieri gli uomini della sezione Radiomobile insieme a quelli della stazione di Fermo sono intervenuti nella zona rurale periferica della città dove, all’interno di un capanno adibito a rimessa di attrezzi agricoli, hanno rinvenuto una macchina operatrice tipo bobcat, priva della targa.
I successivi accertamenti hanno consentito di verificare che anche i numeri identificativi del telaio erano stati parzialmente abrasi, attività posta in essere evidentemente al fine di ostacolare l’identificazione della provenienza del mezzo.
Ma gli specifici accertamenti condotti sul posto dagli uomini dell’Arma hanno consentito di stabilire che la macchina risultava provento di furto, commesso all’interno di un cantiere edile di Amandola, il 27 novembre.

“Poco dopo – spiegano dalla compagnia dell’Arma di Fermo – è stato rintracciato il proprietario della rimessa agricola, un uomo di circa 50 anni fermano, il quale aveva ricevuto personalmente la macchina alcuni giorni prima da soggetti in corso di identificazione. L’uomo è stato denunciato alla Procura della Repubblica di Fermo perchè ritenuto responsabile del tentativo di riciclaggio della macchina. Sul posto è stato chiamato il proprietario del bobcat a cui, previa verifica della documentazione in suo possesso, è stato restituito il bene, avente valore commerciale di oltre 15.000 euro”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti