facebook twitter rss

“Cuba, stop all’embargo. Il comune di Fermo pronto a inviare aiuti”

FERMO - Interlenghi per Fermo Futura, Del Monte (Articolo Uno), Pascucci (La città che vogliamo), Borraccini (Piazza Pulita) e Fortuna (5 Stelle): "Per la città di Fermo è una grande pagina di storia, di forte unità da parte delle forze popolari che siedono in consiglio comunale, che seppur nelle diverse funzioni, di governo e opposizione, hanno mostrato una maturità degna del valore istituzionale del ruolo rivestito"
Print Friendly, PDF & Email

“Cuba, stop all’embargo. Il comune di Fermo pronto a inviare aiuti”. E’ quanto annunciano i consiglieri comunali Renzo Interlenghi per Fermo Futura (PD, Fermo Capoluogo, Fermo Coraggiosa, Agire Locale), Alessandro Del Monte (Articolo Uno), Nicola Pascucci (La città che vogliamo), Gionata Borraccini (Piazza Pulita) e Stefano Fortuna (5 Stelle)

“Fermo e Cuba, migliaia di chilometri le separano, diversi gli usi e i costumi tra due realtà apparentemente distanti ma – spiegano i consiglieri – accomunate dal senso di solidarietà reciproca che deve sempre unire i popoli del mondo, siano essi appartenenti a una piccola comunità come quella cittadina che a uno Stato nazionale. L’assise ha puntato il dito contro decenni di embargo economico da parte degli Stati Uniti d’America, che avrebbe piegato in due qualsiasi altro popolo ma non quello composto dalle donne e dagli uomini figli di una rivoluzione che ha segnato la storia del mondo. Ecco, allora, il convergere sulla mozione presentata dalla coalizione Fermo Futura, letta in aula dal consigliere Renzo Interlenghi, non solo dei voti del drappello di minoranza ma anche di quelli della maggioranza, ad eccezione dei consiglieri Bargoni e Lucci che si sono assentati al momento del voto, oltre che di Stefano Fortuna del M5S, per chiedere all’amministrazione comunale ‘di fare proprio l’appello lanciato dalle comunità cubane residenti in Europa per porre fine all’embargo contro la Repubblica di Cuba e il suo Popolo, coerentemente con l’espressione di voto della maggioranza dei membri dell’Onu su tale tema chiedendo al Governo italiano di modificare la propria posizione al riguardo chiedendo, a sua volta, la fine dell’embargo, di predisporre azioni volte a dare solidarietà alla Repubblica di Cuba e al Popolo cubano mediante aiuti economici, anche sotto forma di invio di materiale medico e sanitario, ovvero aderendo a una delle raccolte fondi a sostegno di Cuba e del Popolo cubano’, questo il testo della risoluzione finale.

L’intervento del consigliere Pascucci per “La città che vogliamo” che apriva al pieno appoggio della mozione proposta, ma, soprattutto, quello appassionato e preparato del suo collega Borraccini di “Piazza pulita”, che Cuba l’ha vista coi propri occhi, hanno sancito l’unità di intenti, anche al fine di suggellare il riconoscimento di quanto fatto per l’Italia dalla ‘Brigata medica’ esperta di gravi epidemie, composta da cinquantatré medici (immunologi e infermieri specializzati in interventi di contrasto delle pandemie) proveniente da Cuba in piena crisi pandemica. Per la città di Fermo è una grande pagina di storia, di forte unità da parte delle forze popolari che siedono in consiglio comunale, che seppur nelle diverse funzioni, di governo e opposizione, hanno mostrato una maturità degna del valore istituzionale del ruolo rivestito”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti