facebook twitter rss

Nuova campagna Confartigianato per il comparto Estetica ed Acconciatura: “Non alimentiamo il lavoro sommerso, ora più che mai”

CONFARTIGIANATO - Zucchini: “La situazione pandemica rischia di far proliferare gli abusivi”
Print Friendly, PDF & Email

 

Hanno preso il via le festività natalizie, ma questo periodo 2021 viene vissuto con grande preoccupazione in tutto il comparto Benessere. È pur vero che le nuove restrizioni anti-contagio non interessano la categoria (il Green Pass rafforzato non si applica per centri estetici, saloni di bellezza e parrucchieri), ma l’incertezza di questa fase pandemica sta portando ad una flessione nei consumi. Il rischio, come spesso accade in queste situazioni, è quello di alimentare il mercato sommerso, con operatori che lavorano senza controlli e con evidenti pericoli per la salute dei clienti, specie in Era-Covid.

“Il Natale 2021 è pieno di incertezze – le parole di Daniele Zucchini, Presidente Regionale Acconciatori Confartigianato – perché la questione pandemica è tutt’altro che risolta. C’è un costante allarme che sta portando i clienti a raggiungere i nostri centri con minor frequenza. Comprendiamo le paure, ma vogliamo ribadire che i nostri servizi si consumano seguendo la massima sicurezza, nostra e dei consumatori. I presìdi igienici sono sempre presenti e pettini, spazzole e attrezzature vengono costantemente sterilizzati. Cosa che è più unica che rara da chi opera irregolarmente. Il messaggio forviante è quello di chi pensa che il Covid sia meno “pericoloso” da un operatore che lavora in casa. Cosa sbagliatissima. Solo da noi i clienti possono davvero stare tranquilli e affidarsi alle mani di professionisti del settore, che mettono al primo posto la salute”.

“I rischi sono molteplici – sottolinea Rosetta Buldorini, Presidente Interprovinciale Estetiste Confartigianato Imprese Macerata, Ascoli Piceno, Fermo – gli oli impiegati per il massaggio, così come la divisa ed il lettino portatile non sempre vengono igienizzati dopo aver trattato un cliente e questo comporta il pericolo di esposizione a virus e batteri di chi si è prenotato per i successivi appuntamenti. Anche il pedicure curativo può portare ad infezioni nel caso di tronchesi, lime e tagliaunghie non correttamente sterilizzati”.

“I consumatori devono essere consapevoli dei rischi a cui si espongono rivolgendosi ad operatori non regolari e fuori controllo – fa il punto Eleonora D’Angelantonio, Responsabile Benessere Confartigianato Imprese Macerata, Ascoli Piceno, Fermo -. Rischi che, purtroppo, non sono circoscritti all’emergenza sanitaria del momento. Perciò, in questi giorni di festività, rilanceremo una nuova campagna comunicativa: chi alimenta il mercato del sommerso non solo reca danno all’economia “sana” dei territori, ma può mettere in pericolo la propria salute”.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti