facebook twitter rss

Il tradizionale tuffo di Capodanno inaugura il 2022

PORTO SAN GIORGIO - Massimo Ruch, Giuseppe Bastarelli e Gianluigi Rocchetti hanno dato il benvenuto al 2022 con il consueto bagno in mare. Raccontano: "È un momento ricreativo motivo di aggregazione"
Print Friendly, PDF & Email

di Alessandro Luzi

Gianluigi Rocchetti

Dei tiepidi raggi solari hanno riscaldato il lungomare sangiorgese in questo primo giorno del nuovo anno. Data la giornata assolata, molti hanno approfittato per fare una passeggiata, fermarsi a dialogare scambiandosi gli auguri nei pressi di una panchina, osservare le vetrine dei negozi del centro. Poco distante, i bambini, sorvegliati dai genitori, affollavano Piazza Bambinopoli, luogo a loro dedicato. Insomma, a Porto San Giorgio sono stati in numerosi a godersi l’atmosfera di queste prime ore del 2022.

A rendere ancora più singolare la mattinata è stato il tradizionale tuffo in mare da parte di Massimo Ruch, Giuseppe Bastarelli e Gianluigi Rocchetti. “Questo non è più un appuntamento solo di Capodanno ma ormai si ripete quasi tutti i giorni, inverno compreso – raccontano – ci ritroviamo insieme ad altre persone, circa quindici, tra cui anche donne, e facciamo il bagno. È un momento ricreativo motivo di aggregazione. Qualche membro della comitiva segue i consigli di alcuni Guru per salvaguardare il benessere psico-fisico, ma per altri è un semplice momento ricreativo nutrito dalla passione per il mare. Questa attività ci ha aiutato molto anche durante le chiusure dello scorso anno. È un bel gruppo, addirittura internazionale. Ci sono argentini, russi, polacchi, statunitensi e altre persone del territorio che coltivano questo interesse”.

A volte non è solo un semplice tuffo in acqua ma una vera e propria nuotata “Massimo Ruch addirittura va oltre gli scogli e nuota per circa un’ora – fa sapere Giuseppe – Il contatto con l’acqua fredda in inverno è temprante e tonifica il proprio corpo, tuttavia è difficile resistere per più di mezz’ora. Questo poi dipende dal grado di resistenza individuale”. Mentre Massimo, Giuseppe e Gianluigi erano in acqua, qualche curioso ha ritratto la scena scattando qualche foto e registrando qualche video. Certo, nonostante la bella giornata, tuffarsi in mare il primo gennaio rimane un’attività insolita. Ci auguriamo che questa pittoresca giornata rivierasca sia di buon auspicio per l’anno appena entrato.


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti