facebook twitter rss

Scuola, cambia la quarantena nelle Marche: chi va in dad e chi no, come si rientra

L’UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE ha modificato le procedure da applicare in caso di contagi nelle aule. le modalità cambiano a seconda dell’ordine scolastico di appartenenza. Il dirigente Filisetti: "Trecento classi in dad, sono meno di quelle che avevamo prima delle vacanze"
Print Friendly, PDF & Email

Marco Ugo Filisetti

di Alessandra Pierini

Quarantene scolastiche, dad e autosorveglianza: le Marche si allineano con le disposizioni governative da applicare nel caso in cui si registrano dei positivi nelle classi. Da oggi saranno infatti applicate le indicazioni previste da una circolare diffusa dall’Ufficio scolastico regionale. In particolare le principali novità riguardano il fatto che un solo positivo in classe fa scattare la quarantena solo nelle scuole dell’infanzia, mentre dalle elementari alle superiori il provvedimento sarà attivato con due casi positivi in classe. Diversi i distinguo da fare tra i diversi ordini scolastici che andremo ad approfondire. Intanto sono 313 le  classi in messe precauzionalmente in Dad al momento della rilevazione dei casi di positività in attesa della formalizzazione della quarantena da parte dell’Asur, di cui 218 quelle poste effettivamente in quarantena.
Il dirigente regionale Ugo Marco Filisetti rassicura: «Sono 300 classi su più di 10mila e comunque erano di più prima della chiusura per le vacanze natalizie». Riguardo l’applicazione delle nuove disposizioni: «Monitoriamo la situazione e grazie alla collaborazione con l’Asur e con le scuole, abbiamo messo a punto un definitivo processo che ci consente di accelerare nella definizione e gestione dei processi. E’ anche vero che nelle Marche il dato relativo al numero di vaccinati tra i 12 e i 18 anni è buono e questo aiuta».
Ad oggi in provincia di Macerata è vaccinato con la prima dose il 72% dei ragazzi nella fascia di età 12-15 anni e l’80% nella fascia 16-19. Hanno completato il ciclo vaccinale il 50,8% dei ragazzi tra 12 e 15 anni e il 71,8% degli alunni rea 16 e 19 anni.
Nell’applicazione del nuovo procedimento, fondamentali, oltre alla quarantena, è la validità riconosciuta ai tamponi antigenici effettuati nelle strutture private. Andiamo a vedere nel dettaglio cosa prevede la nuova circolare per i vari gradi di istruzione.

scuole-infanzia-1-caso-positivo-650x401

 

PRESENZA DI UN CASO POSITIVO TRA GLI ALUNNI IN UNA CLASSE DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA 0-6 ANNI – Per la classe si sospende l’attività in presenza per dieci giorni e si attiva la quarantena di 10 giorni con test di uscita (che si può effettuare con tampone molecolare o antigenico negativo, anche in una struttura privata). Per la classe viene attivata la didattica digitale e i contatti scolastici vengono segnalati all’Autorità sanitaria.

scuole-primarie-1-caso-positivo-650x384

 

PRESENZA DI UN CASO POSITIVO TRA GLI ALUNNI IN UNA CLASSE DI SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARI) – Il caso viene comunicato all’Asur e si attiva la sorveglianza con testing del gruppo classe ma l’attività scolastica per la classe prosegue in presenza. Possono rientrare tutti coloro che avranno un esito negativo in seguito alla somministrazione di un tampone. Il test sarà ripetuto su valutazione dell’Autorità sanitaria dopo 5 giorni. Si raccomanda la consumazione dei pasti a una distanza interpersonale di almeno due metri.

scuole-primarie-2-casi-positivi-650x337

 

PRESENZA DI ALMENO DUE CASI POSITIVI TRA GLI ALUNNI DI SCUOLA PRIMARIA (ELEMENTARI) – L’attività in presenza viene sospesa e si applica il Piano scolastico per la didattica digitale per la durata di 10 giorni. Scatta la quarantena della durata di 10 giorni con test di uscita (che si può effettuare con tampone molecolare o antigenico negativo, anche in una struttura privata).

scuole-secondarie-primo-e-secondo-grado1-caso-650x359

 

PRESENZA DI UN CASO POSITIVO TRA GLI ALUNNI IN UNA CLASSE DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO (MEDIE E SUPERIORI) – Continua l’attività didattica in presenza con l’obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie di tipo FFP2 per almeno 10 giorni. Si raccomanda di non consumare pasti a scuola a meno che non possa essere mantenuta una distanza di almeno due metri. La misura sanitaria prevista è l’autosorveglianza.

scuole-primarie-2-casi-positivi-650x337

 

PRESENZA DI DUE CASI POSITIVI TRA GLI ALUNNI IN UNA CLASSE DI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO E SECONDO GRADO (MEDIE E SUPERIORI) – La misura prevista si differenzia in base allo stato vaccinale.

Per gli alunni che non hanno concluso il ciclo vaccinale primario o lo hanno concluso da più di 120 giorni, che sono guariti da più di 120 giorni e ai quali non è stato somministrato il richiamo, è sospesa l’attività in presenza, si applica la didattica integrata. Scatta inoltre la quarantena di 10 giorni con test di uscita (che si può effettuare con tampone molecolare o antigenico negativo, anche in una struttura privata)
Per gli alunni che hanno concluso il ciclo vaccinale primario, che sono guariti da meno di 120 giorni e ai quali è stato somministrato il richiamo, continua l’attività in presenza con l’obbligo di indossare mascherine Ffp2 per almeno 10 giorni. La misura sanitaria prevista è l’autosorveglianza.

 

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA


Torna alla home page


Per poter lasciare o votare un commento devi essere registrato.
Effettua l'accesso oppure registrati




Gli articoli più letti